Droghe leggere: è giusto legalizzare?

0

L’uso di queste droghe è diventato, oramai, un fenomeno di massa diffuso specialmente tra i giovani e i giovanissimi. Se ne discute sempre più spesso negli ultimi tempi: complice la bocciatura della legge Fini-Giovanardi, che fu votata tra le misure per garantire la sicurezza durante le Olimpiadi invernali di Torino, in Italia l’argomento è al centro dei dibattiti politico-sociali e muoversi verso una riforma in materia sembra essere sempre più necessario.

Anche se Giovanardi parla del nostro paese come uno dei più avanzati in materia, non bisogna dare per vero questa sua opinione troppo facilmente. Sarà forse che è lui stesso l’autore di una delle leggi più conservatrici degli ultimi anni, ma l’Italia non è certamente un modello di avanguardia. Può essere invece considerato tale l’Uruguay, in cui il presidente Mujica ha istituito un registro nazionale di consumatori a cui è concesso l’accesso a un massimo di dieci grammi settimanali di cannabis. Un metodo che consente di controllare il mercato delle droghe evitando di causare dipendenze e combattendo i traffici illegali.

Ignazio Marino, sindaco di Roma, ha recentemente affermato la sua posizione a favore dell’uso delle droghe leggere ludico o terapeutico, ritenendo la riforma sulla legge necessaria a livello nazionale e internazionale, «perché gli anni di proibizionismo non hanno portato nessun risultato nella prevenzione del drammatico aumento nell’uso di droga. Inoltre nuove forme di legalizzazione potrebbero essere sperimentate in medicina per la salute delle persone ma anche per colpire la criminalità organizzata». Eppure la voce del sindaco sembra essere muta di fronte alla nomina di Giovanardi come relatore per il decreto Lorenzin sulle droghe, che non fa certo auspicare un miglioramento della situazione nostrana.

È sicuramente un limite rilevante, causa della cultura conservatrice che ancora risulta essere diffusissima, la considerazione della cannabis come sola droga ricreativa. Molti ne ignorano i possibili effetti terapeutici, anche se su questi ultimi si è spesso fatto un eccessivo millantamento. È sicuramente vero che la cannabis contiene un principio attivo già molto utilizzato in alcuni farmaci, ma questo non equivale a dire che fumare una canna possa apportare miglioramenti alla propria salute. Per questo, a seguito delle recenti questioni, ci siamo presi la briga di chiedere la vostra opinione.

Tra le persone che abbiamo intervistato, solo poche si sono dichiarate sfavorevoli alla legalizzazione delle droghe leggere, ritenendole comunque dannose per la salute e definendole “sostanze pericolose”. La restante parte ci ha invece risposto con un “sì” piuttosto deciso, chi con un sorriso malizioso, chi con un’espressione seria. In molti portano avanti la teoria dell’effettiva risposta contraddittoria al proibizionismo: più si vieta una cosa, più questa stessa cosa diventa allettante. C’è anche chi si esprime favorevolmente riguardo l’uso terapeutico della cannabis, ma si dice contrario a quello personale, ritenendolo inutile e controproducente.

La diffusione di droghe leggere, in particolare cannabis, è sempre più in espansione, tanto da aver smosso la politica nel prendere in considerazione una soluzione alternativa. Qualcuno vorrebbe legalizzarla anche per evitare un inutile sovraffollamento di carceri, altri invece sarebbero felici di poterne fare uso senza aver alcun tipo di problema. Ad ogni modo, chi per un motivo, chi per un altro, una fortissima maggioranza si dice favorevole alla legalizzazione. Giacché ci troviamo in una democrazia e l’opinione dei cittadini è – in linea teorica – rilevante, ci sorprende riscontrare tanto favore in un paese dimostratosi in assoluto tra i più arretrati in materia. È la dimostrazione che le nostre voci non vengono ascoltate abbastanza?

About author

Redazione

Redazione

Attualità, cultura e confronto. Parte del discorso vuole rappresentare ogni lettore e renderlo partecipe al dibattito.

No comments

Potrebbero interessarti

In foto, Paola Turci

Torna Paola Turci e il cuore si fa leggero

[caption id="attachment_9607" align="alignnone" width="2048"]

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi