Il favoloso mondo di Luisa Colombo

0

Contatti: Tumblr | Facebook | Society6 | Blogspot

Ricordo con piacere il momento in cui mi imbattei in Luisa Colombo, una giovane artista dall’indubbio talento. Sogna di lavorare negli Stati Uniti come disegnatrice, sperando che la sua più grande passione, che l’accompagna sin da piccola, possa diventare la sua vita. Luisa osserva il mondo circostante trasformandolo in arte, ponendosi come obiettivo quello di regalare alle persone quei sentimenti di libertà e felicità che “solo l’immaginazione, le favole, i miti e la natura sono capaci di darci.”

Luisa, nei tuoi disegni vediamo ripreso continuamente un animale: la volpe. C’è un significato particolare dietro questa scelta?

Ho una certa fissa per le volpi, sono animali affascinanti e pieni di carattere. Vorrei averne una come animale domestico un giorno! Foxy Fox è probabilmente la volpe che vedrete più spesso sulla pagina, è la mia volpina-mascotte, parte di una storia ambientata a Wood Alley, una via sperduta nei boschi.

E infatti di recente hai mostrato sulla tua pagina Facebook un volume di stampe che hanno come protagonista proprio Foxy.

Sì, è un progetto a cui sto lavorando. Il problema del libretto è che vorrei aggiornarlo con dei lavori fatti in modo più dignitoso, per presentare a chi vorrebbe acquistarlo un prodotto ben fatto. È un progetto che per ora ho accantonato, soprattutto viste le elevate spese di stampa che non mi permettono di richiede un prezzo accessibile a possibili acquirenti, ma su cui sicuramente ritornerò in futuro.

Intanto però è possibile acquistare i tuoi disegni sotto forma di gadget. Come ti è venuta l’idea?

Pensavo che magari potessero piacere dei cuscini o delle borse con le mie stampe. Presto proverò a fare altri lavori che si prestano alla stampa!

Osservando i tuoi disegni non possiamo negare una certa somiglianza ai personaggi Disney. In quale misura questo stile influenza i tuoi lavori?

Lo stile Disney – o più nello specifico di Glen Keane e altri artisti come Chris Sanders – mi sta ispirando moltissimo, sono dei grandi maestri da cui prendere esempio! Emularli mi sta aiutando moltissimo, ma spero di riuscire a dare un’impronta più personale al mio stile nel futuro.

Luisa ColomboQuando si parla di Disney è impossibile non pensare ai suoi storici lungometraggi. Anche tu hai recentemente sperimentato l’animazione.

Mi affascina e mi rende felice vedere ciò che disegno prendere vita, ho scoperto da pochissimo il piacere di “fare animazione”, se vogliamo chiamare così i miei piccoli esperimenti. Quest’anno mi iscriverò al corso di Animazione della Nemo di Firenze.

Il tuo talento è innegabile, ma ci chiediamo se sia una dote naturale o il frutto di un corso di studi.

Innanzitutto grazie per il complimentone! Ho sempre disegnato con grande piacere sin da piccola, mia madre faceva qualche dipinto a olio ogni tanto e già a cinque anni prendevo in mano i suoi pennelli, anche se i risultati erano a dir poco catastrofici. Ho iniziato ad approcciarmi sul serio il disegno verso la fine delle medie, prendendo come riferimento il mondo dei manga e degli anime, poi dopo un anno di liceo classico ho deciso di andare a studiare al liceo artistico. Ho cercato di applicare al meglio le conoscenze di arte classica al mio stile e ho sperimentato un sacco in quegli anni.

Dalla tua matita scaturiscono solitamente espressione di un mondo fantastico: illustri ambientazioni e soggetti fiabeschi, talvolta leggendari. L’irreale è per te fonte di rifugio?

Credo che la fantasia vada alimentata costantemente, insomma non dovremmo trascurarla crescendo. Ho sempre voluto essere capace di rappresentare i miei sogni o i luoghi ideali in cui vorrei vivere attraverso il disegno, in modo da poter dare un – come l’avete definito voi – rifugio anche ad altre persone, una pausa dal mondo.

Credi che, come per te, anche chi ipoteticamente vede le tue illustrazioni possa sentirsi trasportato in una dimensione ideale?

Lo spero tanto! Abbiamo biscottini e tantissimo tè con bacche fresche, venghino signori, venghino!

Sei giovane e sicuramente il talento non ti manca. Qual è, in effetti, la tua massima aspirazione in quest’ambito? Noi e i nostri lettori vogliamo sapere se vorresti fare del disegno la tua vita.

Assolutamente sì. C’è un detto di Confucio riguardo a questo. Dice “Choose a job you love, and you will never have to work a day in your life”. Ecco, io voglio che la mia passione diventi il mio lavoro. La mia massima aspirazione è lavorare presso la Walt Disney animation studios, o anche Dreamworks o Blue Sky studios, ma ho indubbiamente ancora molta strada da fare.

 

 

About author

Redazione

Redazione

Attualità, cultura e confronto. Parte del discorso vuole rappresentare ogni lettore e renderlo partecipe al dibattito.

No comments

Potrebbero interessarti

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi