Boyhood, i dodici anni più veri della storia del cinema

0

Our Rating

a8.7
a8.5
a8.3
a8.4
a7.8
a8.5
8.4

BoyhoodQuando ero piccola, ma molto piccola, pensavo che i film in cui il protagonista ci veniva presentato prima come un bambino, e poi come un adulto, venissero girati in periodi diversi perché l’attore sulla scena fosse sempre lo stesso.

È stata questa la prima cosa a cui ho pensato quando ho letto di Boyhood. Quella mia ingenua idea, alla quale forse, durante l’infanzia, abbiamo pensato un po’ tutti, era diventata realtà. Non potevo fare a meno di vederlo.
La sfida di Richard Linklater (Prima del Tramonto, Prima dell’Alba, Before Midnight) è stata proprio questa: mantenere gli stessi personaggi dall’inizio alla fine, dandoci la possibilità di vederli crescere, maturare, invecchiare.

Continua a leggere su radiosiani.com

About author

Anna Scassillo

Anna Scassillo

Anna sarebbe felice se ricevesse una lettera al giorno, ognuna con una storia diversa. È una persona curiosa, ha voglia di conoscere continuamente cose nuove. Terribilmente affascinata dal cinema e dalla letteratura, Anna è innamorata della musica e della sua batteria rossa. Nella vita Anna vuole fare troppe cose e intanto studia alla Scuola Interpreti di Trieste.

No comments

Potrebbero interessarti

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi