Ernest Egg, l’avventuriero che si rivolge «ai bambini di tutte le età»

1

Ernest Egg team

Contatti: | Sito | Facebook | Twitter | Indiegogo | Google+

Ernest Egg nasce dalle menti di Stefano “The Tree” Bosi e Francesco “Paul Izzo” Polizzo. È certamente un progetto ambizioso, che mira a diventare ebook interattivo, gioco da tavolo, cortometraggio in stop motion. Il protagonista di questa storia, intricata quanto fantasiosa, è un esploratore che vuole “cacciare e documentare” quelle che la gente chiama leggende, ma che in realtà nessuno ha mai visto. Accompagnato da inimmaginabili aiutanti, Ernest Egg si troverà ad affrontare una serie di avventure ispirate ai grandi romanzi di Jules Verne e Jack London e ai vintage dei giorni nostri. Per la realizzazione del progetto, curato nei minimi dettagli, gli autori si sono affidati al crowdfunding di Indiegogo. Ernest Egg non aspetta altro che partire.

Partiamo dalla domanda fondamentale. Il progetto appare decisamente complesso e molto ben articolato, ma da dove nasce l’idea?

Stefano: L’idea nasce dalla voglia di lavorare senza gabbie, graficamente e artisticamente parlando. Io e Jack Venturelli all’epoca volevamo provare un mash up di stili, influenze e mondi differenti. Ci chiedevamo spesso: “Perché con un’idea del genere non utilizzano quello stile” oppure “Come mai con quella tecnica non provano a fare…” e così abbiamo fatto innumerevoli tentativi, finché non è nato il personaggio (allora senza nome) di Ernest Egg. Caso vuole che Jack conoscesse un certo scrittore di nome Paul…

Paul: …e sono entrato in campo io, stabilendo alcune caratteristiche dell’opera; in primis il nome del protagonista che gioca con l’assonanza con l’Easter Egg (quello della tradizione inglese e quello relativo al gergo informatico) e sviluppando poi alcuni appunti di Stefano e Jack. Molte cose nascono dal continuo scambio di opinioni, idee e vaneggiamenti miei e di Stefano. In effetti se qualcuno ascoltasse le nostre conversazioni telefoniche ci prenderebbe per matti.

La valigia di Ernest Egg

I personaggi di Ernest Egg vengono prodotti in resina. Spiegateci un po’ il modo in cui vengono realizzati e chi li crea manualmente.

Stefano: I personaggi di Ernest Egg sono realizzati con moltissimi materiali, in realtà. Dal Super Sculpey alla pelliccia fino ad innumerevoli tipi di stoffa. Il materiale che vedete prodotto per la campagna è realizzato utilizzando i personaggi modellati in Super Sculpey, completati da stoffe, pellicce e materiali vari. Le illustrazioni che compaiono nel diario, ad esempio, sono realizzate fotografando questi modelli e poi manipolate e lavorate in digitale, poi montate e impaginate. I LisciArriccia, invece, che si trovano nel pacchetto “Statue”, sono stati prodotti in resina, partendo da un positivo in plastilina e facendone uno stampo in silicone, poi dipinti e decorati a mano. Ovviamente però vogliamo andare ben oltre. Sì, lo stop motion! Per il cortometraggio abbiamo in mente di abbandonare i materiali siliconici in favore delle stoffe: ci sarà un’incredibile ricerca di prodotti tessili da fare, ma il risultato sarà garantito e innovativo nella realizzazione. Una follia di alta qualità. I modelli sono realizzati da me, con l’ausilio del fenomenale Marco Falatti di Mammafotogramma per le parti animabili, per gli stampi dei LisciArriccia e molto altro. Presto io e Marco avvieremo la lavorazione del personaggio di Ernest per lo stop motion.

A cosa si ispirano i luoghi visitati da Ernest? Quale sarebbe invece il luogo esistente in cui andrebbe?

Paul: Ci sono esperienze di viaggio personali, luoghi dell’anima e voli pindarici. Ernest andrebbe dovunque sia possibile incontrare delle leggende, quindi, con la sua solita modestia, in tutto il globo e, chissà, magari anche nello spazio.

Paul, hai creato una serie, Viole(n)t Hill, principalmente indirizzata a un pubblico adulto. Tuttavia Ernest Egg è adatto «ai bambini di tutte le età».

Paul: Assolutamente sì, hai detto benissimo: è per i bambini di tutte le età! Come scrittore e sceneggiatore cerco sempre di mettermi alla prova con i diversi generi e non avrei timore di scrivere per esempio un chick flick per il cinema o una commedia, per quanto io ami il noir, l’horror e la fantascienza, ma la sperimentazione e la libertà che ottengo nella scrittura mi piace e mi fornisce l’energia giusta per sentirmi vivo.
Viole(n)t Hill nasce dalla voglia di confrontarsi con atmosfere malate alla Twin Peaks, ma anche col tentativo di creare una serie social aperta a diversi autori, un esperimento condotto su Verticalismi.it che ha portato alla collaborazioni di oltre quaranta artisti differenti in due stagioni e con la terza il numero è destinato a crescere ancora. Sempre sullo stesso sito potrete leggere delle mie storie di genere e target differenti, tutte all’insegna dell’avventura e, spero, del divertimento.

Ernest

Tornando all’idea del pubblico di tutte le età: dagli assaggi dati dalla campagna si può cogliere una comicità tutt’altro che infantile, basata su giochi di parole e ironiche ambiguità. Quanto questo aspetto del lavoro è studiato?

Paul: I calembour sono una mia particolare “fissazione” che mi porto appresso fin da bambino, anche nel mio nick, ad esempio, (Paul Izzo, storpiatura del mio cognome Polizzo) si può ritrovare questa mia attitudine al gioco di parole. D’altronde io sono anche quello che cerca significati nascosti e reconditi nelle targhe delle automobili, ma questo è meglio che non lo spieghi. In Ernest Egg lo sfogo su questo aspetto è quasi naturale e, come molte cose riguardanti il progetto, l’intesa artistica con Stefano facilità la creatività.

Stefano: Questo è uno degli aspetti su cui Paul ha lavorato di più. Possiamo dire che i giochi di parole e le citazioni sono alla base dell’ironia che caratterizza il progetto. Siamo molto soddisfatti del risultato.

Lo stop motion è indiscutibilmente impegnativo, ma anche di particolare successo nell’animazione degli ultimi anni. Basti pensare alla validissima produzione della Laika, al cui stile il vostro progetto potrebbe ben affiancarsi. Quanto l’idea della produzione di un corto con questa tecnica è dettata dalla voglia di cavalcare la tendenza?

Stefano: Stilisticamente il cortometraggio in stop motion sarà molto differente dalla produzioni della Laika, ma non possiamo anticiparvi troppo. Diciamo che lungometraggi di indiscutibile bellezza come Coraline, Paranorman e Boxtrolls hanno fatto salire la nostra voglia di lavorare in questa direzione.

Paul: Sì, in effetti siamo partiti con in testa l’idea di realizzare qualcosa che andasse verso quella direzione, dato che siamo fan di quelle produzioni, ma tenendo conto di quanto fatto anche dalla Aardman, naturalmente senza cercare a tutti i costi di copiarne i contenuti, quanto piuttosto di riprodurre la loro atmosfera e capacità di regalare emozioni.

La fantasia non vi manca di certo, basta leggere la trama della storia. State pensando anche a un eventuale sequel?

Paul: Stiamo lavorando su alcuni personaggi nuovi e sulla traccia per il sequel che metteremmo in lavorazione fin da subito, se il primo episodio avrà successo. Inoltre stiamo pensando anche a un eventuale spin-off dedicato al nostro amato Lupo Mannaro di Mare, il famoso capitano A. Bach e al mistero che si cela sul suo tatuaggio delle Pleaidi, a cui manca una delle sette stelle, ma per ora non posso anticipare nulla.

Stefano: Molti sequel, nuovi personaggi e tante sorprese. Tantissime sorprese. Se la campagna crowdfunding andrà a buon fine, ci permetterà di realizzare talmente tante storie che sentirete parlare di Ernest Egg a lungo. E non è una minaccia.

About author

Redazione

Redazione

Attualità, cultura e confronto. Parte del discorso vuole rappresentare ogni lettore e renderlo partecipe al dibattito.

1 comment

Post a new comment

Potrebbero interessarti

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi