Cinque allegri ragazzi morti, finalmente in formato comic book

0

Cinque allegri ragazzi morti

Era il 1990 quando Davide “El Tofo” Toffolo , allora venticinquenne, iniziò a pensare a un quintetto di ragazzi morti, zombi, intrappolati nell’età più difficile, l’adolescenza, tema da sempre molto sentito dall’autore, facendo nascere così l’esigenza di dar voce a una generazione di ragazzi persi, disadattati, morti. Da lì, con questa serie, prese il via la sua carriera da fumettista e quattro anni dopo la sua carriera musicale, con la fondazione dei Tre allegri ragazzi morti. Ritornano in edicola, a distanza di quindici e passa anni, le storie dei Cinque allegri ragazzi morti che hanno reso l’artista, Davide Toffolo, uno dei più grandi fumettisti italiani contemporanei, in una nuova versione in formato comic book americano, da sempre voluta dall’autore, riveduta e arricchita, edita da Panini Comics.

Il primo numero, l’albo zero, è uscito il 19 marzo. La serie partirà ufficialmente da maggio e proseguirà per un anno con dodici albi, di cui tre inediti, che ci racconteranno ogni mese le storie di Gianni Boy e soci per la prima volta a colori. La cover di ogni volume rappresenterà una copertina di un disco rock che ha contribuito alla formazione dell’artista. Per questo primo numero è stata scelta quella ormai celebre del primo omonimo album dei Ramones. L’autore stesso ne consiglia l’ascolto durante la lettura.

Cinque allegri ragazzi mortiQuesto speciale numero introduttivo contiene tre storie: la prima scritta nel 1992, intitolata Mostri e normali, è una sorta di manifesto della serie. Presenta i protagonisti e grazie a uno splendido flashback racconta la loro storia e cosa li ha portati a essere bloccati per sempre nell’adolescenza senza poter crescere, amare o morire, come cinque allegri ragazzi morti. Gli altri due racconti, più brevi rispetto al primo, ci danno un assaggio di quello che potremmo trovare in edicola o in fumetteria a partire dal mese di maggio. Il primo numero sarà infatti presentato al Comicon di Napoli, che si terrà dal 30 aprile al 3 maggio.

In un momento in cui la disoccupazione dilaga e il periodo dell’adolescenza aumenta di pari passo con quello della pensione, non ci resta che leggere le avventure di ragazzi che in fondo non sono molto diversi da noi.

About author

No comments

Potrebbero interessarti

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi