Le mulieres di Manara a Salerno

0

milo manara

Ancora pochi giorni per visitare la mostra a Salerno dedicata ai settant’anni di Milo Manara, fumettista italiano ben noto per la sensualità che caratterizza i suoi lavori. Eccezionalmente il giorno della chiusura è stato posticipato di una settimana e sarà possibile ammirare le sue opere al Palazzo Fruscione di Salerno, restaurato di recente, fino all’8 marzo. Questa è la prima tappa di un percorso che vede Manara tra i big del COMICON partenopeo di quest’anno che, si ricorda, avrà inizio il 30 aprile e terminerà il 3 maggio.

Le protagoniste delle sue tele sono le Mulieres, affascinanti e passionali donne alle prese con le più disparate situazioni, estrapolate dalle sue opere di maggior rilievo (Il Gioco, Oroscopo, I Borgia e altre). L’esposizione è stata divisa in tre principali sezioni: la prima è dedicata al fumetto e all’erotismo, le altre riguardano il cinema e la musica. Importanti sono i riferimenti alle opere di Fellini con il quale Manara aveva un rapporto professionale e d’amicizia. L’impatto è immediatamente dato dai capolavori che ritraggono le sensualissime figure femminili nate dalla mano dell’artista, sicure nelle loro azioni e nei loro ambienti. Ogni opera lascia spazio all’immaginazione, a un’interpretazione più o meno complessa dovuta anche al fatto che molte tavole sono tratte da contesti che possono essere sconosciuti al visitatore. I personaggi di Manara sono spesso ricorrenti, ma mai scontati. Lo Scimmiotto, l’Uomo di carta e ovviamente Claudia e Miele. La loro particolarità è che, come attori, spesso interpretano ruoli differenti all’interno di diverse collezioni dello stesso autore, un po’ come fanno i registi con le loro muse.

milo manara

Il grande talento dell’artista è innegabile. Le sue illustrazioni sono curate perfettamente, c’è una particolare attenzione per gli sfondi, alcuni dei quali ricordano vagamente l’impressionismo. Altro legame pacato è quello con l’art nouveau che si rivela anche con il chiaro riferimento a Il Bacio di Klimt in uno dei manifesti all’interno della mostra. Questo non è, tuttavia, l’unico omaggio: troviamo infatti un ritratto di Goya, intento a dipingere la Maja desnuda e a Rodin, raffigurato insieme a Il bacio. Oltre a una sirena con il volto di Angelina Jolie, inoltre, citiamo la tavola dedicata a Trotula de Ruggiero, medico salernitano, che Manara ha regalato alla città di Salerno.

L’erotismo di Manara non è pornografico, ma pieno di vitalità, intrinseca espressione del desiderio umano e pieno di sfumature differenti. Manara è sicuramente l’emblema dell’arte proiettata anche in qualcosa che spesso può essere sottovalutato, come il fumetto. Andateci se ne avete la possibilità e guardatela tutta, poi correte per non perdere il treno.

About author

Anna Scassillo

Anna Scassillo

Anna sarebbe felice se ricevesse una lettera al giorno, ognuna con una storia diversa. Estremamente curiosa, vorrebbe conoscere e saper fare fin troppe cose. Intanto lavora come graphic designer a Vienna, scrive canzoni, beve caffè, legge e suona.

No comments

Potrebbero interessarti

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi