Budapest, l’anima di una città nuova

0
Budapest © partedeldiscorso.it / Fiorella Spizzuoco

Foto di Fiorella Spizzuoco

Budapest è una città nuova, per così dire. Nonostante la sua storia da radici profonde, incastonate nel cuore dell’Europa, è una città nuova perché si rinnova ogni giorno; ha affrontato secoli interi conservando quasi intatta la sua eredità monumentale e paesaggistica, che oggi offrono a ogni tipo di visitatore un viaggio fantastico, variegato e pieno di sorprese. Budapest è una delle città più belle d’Europa, non c’è dubbio.

Consigliare un viaggio è spesso difficile, non si sa bene quali criteri l’altro possa imporsi quando sceglie la sua prossima meta e cosa si aspetti. Ci sono i viaggiatori pigri, quelli che pretendono tutti i comfort, quelli attenti al portafogli in maniera maniacale; ci sono quelli che vogliono l’avventura, che preferiscono dormire in tenda piuttosto che in un comodo albergo. Ma, quando ci chiedono “dove potrei andare per passare quattro giorni senza pensieri, cercando di spendere poco, restando in Europa?” dovremmo assolutamente rispondere “Budapest”.

Budapest è la capitale dell’Ungheria, è una città pianeggiante per la maggior parte del suo territorio a eccezione della collina di Buda, dove si trova la città vecchia, sulla sponda occidentale del Danubio. Arrivare in centro città dall’aeroporto è semplice, ci sono vari modi tra cui scegliere, ma quello consigliabile è prendere la metro perché così si può scendere alla stazione di Astoria, trovandosi proprio nel cuore di Pest; Pest è la città nuova, quella dove si concentrano alcune delle attrazioni turistiche più famose e tutti i locali, quindi dove la vita notturna è vivace da far invidia a Londra e Parigi.

Il cuore di Budapest

Budapest © partedeldiscorso.it / Fiorella Spizzuoco

Foto di Fiorella Spizzuoco

Moltissimi bar, ristoranti tipici ungheresi, piccole pizzerie e caffetterie animano Andrássy út, l’arteria principale e il cuore di Budapest. Di giorno, passeggiarvi è un piacere: si inizia dalla piazza della Basilica di Santo Stefano (Szent István tér) dove l’ideale è cercare di entrare di domenica mattina; gli interni maestosi della chiesa fanno da cornice alle funzioni religiose, in un misto di mistero e ammirazione. Dopo una foto ricordo, conviene sbrigarsi per iniziare a risalire, lentamente, fino all’altra piazza di Pest, l’icona per eccellenza di Budapest, Piazza degli eroi, Hősök tere. Andrássy út è molto lunga, ma vi si trovano diversi punti d’interesse importanti e per cui vale la pena fermarsi e perdere qualche ora. Tra questi la Casa del Terrore, Terror Háza, l’ex quartier generale dei partiti nazista e comunista ungheresi, con la debita successione cronologica. Questo luogo, le sue mura, trasudano storia e memoria; le prigioni, le aule di interrogatorio, le scrivanie dei gerarchi, sono conservate con grande cura e circondate da un’aura di estremo rispetto.

Alle spalle della monumentale piazza degli Eroi invece, si trovano dei bellissimi giardini, dove passeggiare placidamente è un piacere. Qui hanno sede le terme di Széchenyi, bagni molto popolari tra la popolazione locale, forse anche più che tra i turisti; li frequentano con regolarità, rappresentando un’amata attività sociale e ricreativa. Per concludere una giornata perfetta girovagando tra le strade di Pest, si dovrebbe assolutamente fare un salto alla pasticceria Gerbeaud, in piazza Vörösmarty, per assaggiare torte e dolci tipici dell’Europa centrale e dell’Ungheria, o anche solo per vedere una delle sale più riccamente decorate della città. O anche un salto al caffè New York, altro bellissimo esempio di architettura, potrebbe essere una sosta e un momento di riposo meritati.

L’architettura

Budapest © partedeldiscorso.it / Fiorella Spizzuoco

Foto di Fiorella Spizzuoco

La cosa che colpisce l’occhio quando si passeggia lungo le sponde del Danubio è l’architettura della città di Buda. Fu ricostruita diverse volte, in seguito alle due Guerre Mondiali per esempio, ma sempre cercando di rispettare le linee volute dagli architetti dell’Imperatore Francesco Giuseppe durante il suo regno. Le similitudini con le costruzioni della capitale austro-ungarica, Vienna, sono innegabili, ma lo spirito delle due città, seppur affini in molto, è diverso.

La cittadella antica, con il suo castello, si presenta come un guardiano che dall’alto osserva tutto: dalla cima dei suoi bastioni, delle sue piazze piccole e pavimentate di bianco candido, si può ammirare un panorama mozzafiato della sponda orientale, con le guglie del Parlamento a farla da padrone. Buda è piccola, o almeno la parte di Óbuda lo è; intorno le colline hanno ospitato nuove zone della città, ma il fascino di quella piccola zona è di gran lunga imbattibile. Perdersi tra i viottoli del centro, sbucare nei pressi della meravigliosa Szentháromság tér, la più bella cattedrale della città intera (modesta opinione dell’autrice), con le sue mura bianche e le torri ricoperte di mosaici colorati che riflettono la luce del sole.

Questa è una città che va vista col sole: non per essere pedanti, ma è così. Anche se, coperta di neve, con le chiese e le case imbiancate, addobbata per Natale o per Pasqua, è una città che ha mille sfumature di suoni e colori, e una luce propria tipica delle gemme più belle d’Europa. Andate a Budapest per scoprire qualcosa di nuovo sul vostro continente, per mangiare dell’ottimo Gulasch e delle buonissime salsicce, di cui però posso descrivervi solo l’aspetto; ma anche se siete vegetariani, troverete pane per i vostri denti, Gulasch vegetariani e buonissime zuppe di verdure.

About author

Fiorella Spizzuoco

Fiorella Spizzuoco

Ho 22 anni, sono di Napoli; mio punto di partenza e di ritorno. Amo l'arte, i viaggi, i libri. Sarei dovuta nascere in un'altra epoca. Credo nei diritti fondamentali dei quattro zampe, due pinne, volatili e bipedi. Mi trovate anche sul mio blog: Fiorella's.

No comments

Potrebbero interessarti

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi