Graphic News, informare disegnando

0

Graphic News

In genere quando si pensa all’informazione vengono in mente i soliti ben noti media: i giornali, ovviamente, e la televisione, in cui la cronaca, quando non è raccontata da mezzibusti ingessati con toni soporiferi da celebrazione eucaristica, è urlata e mercificata nei salotti pomeridiani. Quello che non sembrava possibile era un compromesso tra le illazioni da comare in diretta e gli impersonali comunicati da TG, se non fosse che il 26 marzo è approdato online Graphic News, un nuovo sito di informazione come tanti ma diverso dagli altri.

Quello che infatti distingue il portale dai suoi simili è lo stile grafico: tutto è raccontato tramite illustrazioni. Non parliamo di una semplice vignetta, come ne compaiono nelle prime pagine di tutti i quotidiani, ma di veri e propri fumetti, disegnati da un team di autori di tutto rispetto e noti agli appassionati. Qualche nome? Cristina Portolano, autrice della cover dell’ultimo album di Giovanni Truppi, Pietro Scarnera, che ha pubblicato la graphic novel dedicata a Primo Levi Una stella tranquillaGianluca Costantini, disegnatore per BeccoGiallo di Pertini fra le nuvole, un dialogo tra l’ex Presidente e Andrea Pazienza, e tante altre eccellenze italiane.

Il sito, da poco online ma già ricco di contenuti, offre interessanti spunti di riflessioni su tematiche spesso fatte passare in sordina. È ad esempio Emanuele Racca a firmare Gli ultimi manicomi, un efficace riassunto della precaria condizione italiana negli OPG e la loro chiusura continuamente procrastinata. L’Italia è sempre fonte di battibecchi legislativi, infatti tra i primi approfondimenti del sito è presenta anche Giovani, carini e tartassati di Giulia Sagramola, che descrive la difficoltosa situazione dei lavoratori creativi e dell’infinito grattacapo che è la partita IVA. Ricordiamo però che Graphic News non è solo politica e cronaca, trovano spazio anche le arti e le scienze, raccontate con estrema originalità. Pietro Scarnera ci parla infatti delle malattie del sonno in un accattivante esperimento che ricorda Jonathan Coe, La cura del sonno, riuscendo a convincere anche gli irriducibili indaffarati a dedicare più tempo al proprio riposo, mentre Marco Garofalo ci porta alla scoperta del tormentato Bukowski in Il bar non mente mai, accompagnando il suo disegno straziante alle risposte del poeta statunitense a un’ipotetica intervista.

Graphic News è una rivoluzione editoriale, capace di conquistare anche chi considera noioso il giornalismo tradizionale grazie a una formula inedita e assolutamente geniale, a dimostrazione che le grandi idee funzionano anche in Italia.

About author

Lucia Liberti

Lucia Liberti

Lucia è nata nel 1996 e porta il nome della santa convenzionalmente considerata "la protettrice della vista", eppure è costretta a indossare un fastidioso paio di lenti a causa della sua miopia. Studentessa DAMS, è un'aspirante critica e un'attivista per Amnesty International. Il suo amore per il cinema è paragonabile solo a quello per i diritti umani. Ha conosciuto poche persone interessanti e visto un numero non sufficiente di posti affascinanti. Vede un futuro migliore (ma deve essere la miopia).

No comments

Potrebbero interessarti

Diodato in una foto di Simone Cecchetti

Diodato e la nicchia dei sensibili

[caption id="attachment_9187" align="aligncenter" width="1024"]

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi