Mia madre e l’evoluzione di Nanni Moretti

0

Mia madre

Piccola premessa: solitamente, quando guardo un film e so che dovrò farne una recensione, come in questo caso, prendo appunti. Non immaginatevi però una ragazza ricurva su un quaderno nel buio della sala troppo intenta a scrivere per prestare realmente attenzione a ciò che accade sullo schermo. Quando lo faccio, non distolgo praticamente mai lo sguardo dalla pellicola e questo ha come conseguenza una grafia ancor più confusa del normale e la ribellione involontaria a ogni schema di righe o quadretti. Questa volta, però, non sono riuscita a prendere appunti fino alla fine, perché scrivere con la mano tremante e la vista annebbiata mi risultava parecchio difficile. Non soffrendo di attacchi epilettici, ho con una certa lucidità compreso cosa mi stava succedendo: ero commossa, per essere riduttivi. In realtà ero un fiume incontenibile di lacrime. Il film in questione, che è riuscito a ridurmi in questa pietosa condizione, è Mia madre, il ritorno dopo quattro anni da Habemus Papa di Nanni Moretti, uno di quei registi che si odia o si ama.

Continua su radiosiani.com

About author

Lucia Liberti

Lucia Liberti

Lucia è nata nel 1996 e porta il nome della santa convenzionalmente considerata "la protettrice della vista", eppure è costretta a indossare un fastidioso paio di lenti a causa della sua miopia. Studentessa DAMS, è un'aspirante critica e un'attivista per Amnesty International. Il suo amore per il cinema è paragonabile solo a quello per i diritti umani. Ha conosciuto poche persone interessanti e visto un numero non sufficiente di posti affascinanti. Vede un futuro migliore (ma deve essere la miopia).

No comments

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi