XY e l’inconoscibile di Veronesi

0
xy

Sandro Veronesi e la copertina del libro

Devo dire che non sono mai stata particolarmente attratta dalla letteratura italiana contemporanea, ma quasi un anno fa mi venne regalato XY di Sandro Veronesi e gettai questo libro nella mia libreria a prendere polvere. Un giorno casuale come tanti, lo ripresi e decisi di leggerlo.

In breve XY narra di un brutale omicidio avvenuto in un paesino del Trentino: Borgo San Giuda. Questo crimine però è molto singolare. Infatti non si tratta di un singolo omicidio, bensì del ritrovamento di diversi cadaveri in un unico luogo (un albero colorato dalla neve color sangue), tutti  morti in condizioni diverse. Un uomo ucciso da un attacco cardiaco, un bambino nato morto, il corpo di una donna dilaniato da uno squalo… Tali ritrovamenti mettono scompiglio nel piccolo paesino che si spacca a metà, tra chi accusa la sventura dovuta al nome del Borgo: San Giuda.

Nel borgo vive anche uno dei due narratori principali, il parroco Don Ermete. L’altro narratore è la psichiatria Giovanna, che lavora in un’ospedale in un paese vicino al borgo. I due si incontreranno a causa delle indagini che partiranno dopo il ritrovamento dei cadaveri.

Veronesi racconta molto bene gli stati d’animo dei due personaggi principali e rende molto bene la scena cupa del luogo dove vengono ritrovati i corpi. Tutto il romanzo ha un’atmosfera oscura e misteriosa, che calza benissimo con questo racconto semi-giallo. Gli altri personaggi, colpiti da un’isteria collettiva, sono descritti perfettamente e la preoccupazioni, le ansie dei paesani di Borgo San Guida arrivano senza problemi al lettore. Interessante anche la scelta di due personaggi che possono sembrare agli opposti: Don Ermete, uomo di fede, e Giovanna, psichiatra. Entrambi però si ritrovano ad affrontare quello che l’uomo non può capire, “l’inconoscibile” e “l’impossibilità di trovare una risposta certa”.

Il romanzo di Veronesi si legge con piacere, l’introspezione dei personaggi è buona, lo consiglierei. In molti mi hanno riferito che non è all’altezza del suo capolavoro : Caos Calmo (da cui è tratto il film di Antonello Grimaldi, ndr). Spero di leggerlo al più presto per farvi sapere.

About author

No comments

Potrebbero interessarti

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi