Caparezza, vieni a ballare in Sicilia? [FOTO]

0
Caparezza © Roberto Rundo

Caparezza © Roberto Rundo

I concerti nella provincia di Messina non sono molto frequenti, o comunque, la maggior parte, sono di artisti minori. Quest’anno invece l’estate nel messinese ospita molti concerti, eventi che portano gente da ogni dove. Capo D’Orlando non smentisce mai la sua grande capacità di sfruttare al meglio le risorse del proprio territorio, accogliendo eventi di grande portata. Nel mese di agosto, qui, si sono susseguiti i concerti di Fedez, Fiorella Mannoia e Caparezza, ma anche altri eventi come il Capo d’Orlando Blues Festival e la mostra fotografica di Andy Wharol.

Ieri sera, 12 Agosto, Michele Salvemini – in arte Caparezza – ha fatto ballare, saltare, cantare tantissimi giovani (e non solo!) provenienti da tutte le province siciliane. Inizialmente, appena arrivata al Palafantozzi, l’idea per questo articolo era di scrivere un decalogo sui disagi che le persone basse provano ai concerti. Fortunatamente, però, il signor Salvemini mi ha fatto cambiare presto idea. Lo show è un viaggio, un viaggio nell’arte – il tour prende il nome dall’album Museica, ma a esso si aggiunge 2 the exibition. Sia perché è il secondo anno che Caparezza porta in tour quest’album, sia perché tutte le canzoni seguono un percorso ben definito, d’altronde siamo dentro a un museo!

Si inizia con Mica Van Gogh, per poi spaziare e giocare un po’ con la Storia: si va avanti e indietro nel tempo. Hitler e la sua invidia nei confronti degli artisti lascia spazio al Dito medio di Galileo, per poi cedere il passo ai dadaisti di Comunque DadaLe luci si abbassano, inizia forse la canzone che racchiude in sé la storia della musica degli ultimi 25 anni: Cover seguita da China Town ed Eroe (Storia di Luigi delle Bicocche). Sul palco cambiano le scene, sale Dante, accompagnato da Filippo Argenti e le sue Argenti Vive. Si prosegue con la Nascita di Venere di Botticelli e l’aria si rinfresca con Ilaria Condizionata. Si sa, l’aria fresca non fa bene alla Terra, ma La fine di Gaia non arriverà. Tra monologhi, riferimenti politici e sociali mai troppo pungenti, si susseguono Non me lo posso permettere, Vieni a ballare in Puglia, con un pubblico più scatenato che mai, e Avrai ragione tu (Ritratto). Fine.

Ma come può andare via così!? Caparezza torna sul palco, o meglio, degli alieni tornano sul palco, dicendo di venire dalla Luna. Il concerto si conclude con un grande ringraziamento ad Andy Wharol, che ci ha insegnato che anche col Pop si può essere grandi: ed ecco Fuori dal TunnelGoodbye Malinconia. Il giro in questo folle museo termina davvero, ma l’adrenalina in corpo resta a lungo.

Questo tour è la dimostrazione che Caparezza non scrive rime a caso. Dietro ogni suo testo, dietro ogni sua parola c’è una profonda cultura, una profonda conoscenza e coscienza di ciò che dice. È un peccato che la gente lo definisca solo come “quel capellone che è fuori dal tunnel”. Vi prego allora, di leggere il testo di Fuori dal Tunnel prima di dire che le sue canzoni non hanno senso.

Per quanto riguarda l’organizzazione del concerto, forse, si sarebbe potuto gestire meglio. Non oso immaginare, se ci fosse stato realmente il temporale previsto… Come avrebbero gestito più di tremila persone?! Nonostante ciò, i disagi, il caldo, gli spintoni e la puzza di sudore, fanno tutti parte di quella grandissima esperienza che è un concerto. C’è chi odia la calca, chi odia a stare alzato per ore in fila, in attesa, eppure io non saprei come fare se non facessi almeno un concerto l’anno. Chiamatemi pure pazza, ma ne ho bisogno.

Ringraziamo Roberto Rundo per averci concesso le sue foto.

About author

Alessia Scarpinati

Alessia Scarpinati

Sono nata giusto in tempo per capire che le cose belle della vita sono tante, che scrivere di me è fondamentale e che non riuscirei a vivere in un mondo senza musica, concerti, libri,serie tv e attori inglesi.

No comments

Potrebbero interessarti

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi