Cinque curiosità per cinque videogames

0

Assassin’s Creed

curiosità

  • La saga di Assassin’s Creed nacque in realtà come un sequel di Prince of Persia, ma nel proseguimento della progettazione del titolo lo stesso Desilets volle imprimere una svolta radicale alla produzione. Si interessò alla figura di Hassan-I Sabbah, che fondò l’ordine degli assassini e questo lo portò a incentrare il gioco non più sulla figura del principe delle sabbie, ma sul personaggio che fino ad allora era stato un antagonista: la sua guardia del corpo.
  • In Assassin’s Creed II, nella tomba della chiesa di S. Maria della Visitazione, si può trovare un calamaro gigante, introdotto tramite una piccola sequenza animata che partirà dopo che Ezio avrà attivato la leva presente in zona e guardato l’acqua per un minuto. Se si ripeterà l’azione, il calamaro tenterà di attaccare Ezio con un tentacolo.
  • In Assassin’s Creed III, nei pressi della villa di Davenport, appoggiandosi a uno dei muri e fischiando comparirà un tacchino. Inserendo il famoso Konami Code, il tacchino si metterà un cappuccio da assassino e seguirà Connor ovunque egli andrà.
  • In Assassin’s Creed II è possibile nuotare, mentre nel primo capitolo era impossibile. Questo è dovuto a un bug del sistema dell’Animus, cosa leggibile nel manuale del gioco (quindi Altair sapeva nuotare benissimo).
  • Quando Desmond si distende sul letto alla fine del primo capitolo, se si usa l’occhio dell’aquila sul soffitto è possibile vedere la data della fine del mondo: 12 21 2012.
1 2 3 4 5 6

About author

No comments

Potrebbero interessarti

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi