Perché Suffragette si annuncia necessario [TRAILER]

1

Come ogni settembre cinematografico che si rispetti, sono sempre tanti i film di cui aspettiamo con trepidazione l’uscita nelle sale. Annunciati durante l’estate e previsti per l’autunno o l’inverno, le date d’uscita riempiono le agende e svuotano i portafogli dei cinefili. Tra questi un titolo fa già parlare molto di sé. Non ci riferiamo a The Danish Girl, di cui gli amici di Bossy ci hanno già splendidamente raccontano i retroscena, ma di Suffragette, della regista britannica Sarah Gavron. Su di lei non abbiamo dubbi: è femminista. Per capirlo basta ricordare il suo Brick Lane (2007), tratto dal romanzo omonimo di Monica Ali, che racconta la storia di una ragazza del Bangladesh promessa in sposa a un uomo da lei non amato. Con questo film Suffragette ha in comune anche la sceneggiatrice Abi Morgan, che con The Iron Lady aveva adattato il personaggio di Margaret Thatcher a Meryl Streep, tra le interpreti della pellicola.

Non è difficile intuire dal titolo il tema che il film si propone di trattare: il movimento suffragista del primo Novecento, con una particolare attenzione alla figura di Emmeline Pankhurst, la fondatrice del Women’s Social and Political Union. A interpretarla sarà la già citata Streep, ma a parte il suo altri due sono i nomi che rendono grande il cast del film: Carey Mulligan (l’ingenua e sognatrice protagonista di An Education) ed Helena Bonham Carter, che non ha bisogno di presentazioni.

Il trailer di Suffragette crea enormi aspettative. C’è violenza nelle scene mostrate, una violenza che è finalizzata, indirizzata a colpire metaforicamente il potere. Perché quella per i propri diritti è letteralmente una lotta, una ribellione trattata come un atto criminale e terroristico ostacolata dai conservatori, e quello della violenza è il solo linguaggio che non si può fare a meno di ascoltare. È potentissima proprio per questo la carica emotiva mostrata dai personaggi, che reagiscono non solo per acquisire diritti politici, ma anche per ottenere di conseguenza eguaglianza sociale e pari dignità.

La giovane Mulligan è una madre, limitata a questo ruolo da suo marito, e subisce molestie sessuali sul lavoro, a cui si dedica a tempo pieno dall’età di dodici anni. Il film non si annuncia dunque solamente come il racconto di una realtà storica, ma come la celebrazione di un movimento e di una battaglia che non ha ancora smesso di essere attuale. È un invito a reagire e ad adoperare ogni mezzo necessario per farsi ascoltare, anche quelli meno posati, meno femminili. Perché sì, la violenza può arrivare anche dalle donne ed è necessaria se motivata dalla necessità di difendersi. Il dramma delle donne di Suffragette è anche interiore e a porre enfasi sul lato drammatico e toccante della vicenda entra in gioco Landslide dei Fleetwood Mac, in un arrangiamento inedito che riesce a creare trepidazione anche rispetto alla colonna sonora. L’aggressività femminista è così rappresentata da un punto di vista differente, quello reale. Per questo mi aspetto un film necessario, pronto a emozionare e a far comprendere con maggior chiarezza l’essenza di un movimento che mai ha smesso di combattere per l’uguaglianza.

Never surrender, never give up the fight

About author

Lucia Liberti

Lucia Liberti

Lucia è nata nel 1996 e porta il nome della santa convenzionalmente considerata "la protettrice della vista", eppure è costretta a indossare un fastidioso paio di lenti a causa della sua miopia. Studentessa DAMS, è un'aspirante critica e un'attivista per Amnesty International. Il suo amore per il cinema è paragonabile solo a quello per i diritti umani. Ha conosciuto poche persone interessanti e visto un numero non sufficiente di posti affascinanti. Vede un futuro migliore (ma deve essere la miopia).

1 comment

Post a new comment

Potrebbero interessarti

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi