L’onirico Murakami

0
Murakami

Haruki Murakami

Per chiunque mi conosca mediamente bene, non è proprio un segreto che mi piaccia leggere, né che poche cose mi affascinino quanto la cultura orientale e in particolare quella giapponese. Quando alla fine del quarto anno di liceo, tra i titoli delle letture estive consigliate è stato nominato un libro scritto da un autore giapponese, non vedevo l’ora di dargli una possibilità nella speranza di riuscire a fondere le due cose.

L’autore in questione si chiama Haruki Murakami, è nato a Kyoto nel 1949 e può vantare la traduzione delle sue opere in circa cinquanta lingue. La sua formazione di scrittore è stata profondamente influenzata dall’esperienza che lo ha visto aprire insieme alla moglie, nel 1974, un jazz bar nel quale preparava cocktail, leggeva e ascoltava le persone. Tra i premi vinti, figurano il World Fantasy Award, il Premio Franz Kafka e il Jerusalem Prize. Norwegian Wood è invece il titolo del primo libro che mi ha permesso di entrare a far parte del suo mondo, un mondo decisamente strano e particolare che non sono riuscita a ritrovare, fino ad ora, in nessun altro autore. È un mondo onirico, sospeso a metà tra realtà ed irrazionalità, in cui i personaggi si ritrovano spesso ad affrontare situazioni tutt’altro che ordinarie ma alle quali si adattano con facilità, quasi per inerzia, a volte semplicemente decidendo di arrendersi alla confusione.
Le stranezze non sono introdotte in alcun modo, semplicemente sono lì, fanno naturalmente parte del racconto. Oh, e non aspettatevi finali soddisfacenti in cui tutte le vostre domande potranno avere risposta. Non ne troverete.

Tornando al libro, chiaramente il titolo si riferisce a una nota canzone dei Beatles, la quale è naturalmente molto presente all’interno del racconto. Devo dire che la storia è probabilmente l’unica relativamente normale tra quelle che ho letto, ma non per questo meno apprezzabile. Leggerla è un modo piuttosto immediato per comprendere la tecnica di Murakami: esplicita, diretta, che non si fa problemi ad affrontare tematiche relativamente delicate o problematiche. Trovo che questo modo di scrivere rifletta piuttosto bene quello che è generalmente lo stile comunicativo giapponese, stile che personalmente apprezzo davvero molto e che mi ha spinta, da tre anni a questa parte, al continuo acquisto dei suoi libri. A tal proposito, altre sue opere che mi sento caldamente di raccomandarvi sono 1Q84, diviso in tre libri, è un racconto principalmente fantastico che ruota attorno a un mondo con due lune; Kafka sulla spiaggia, incentrato sul mito di Edipo e sulla strana storia di un secondo protagonista alquanto particolare e Dance dance dance, tra i cui personaggi figurano una ragazzina di tredici anni, una receptionist piuttosto irritabile, un famoso attore, un poeta con un braccio solo e sei scheletri intenti a guardare la televisione seduti in un salotto di Honolulu. Un’altra caratteristica dei libri di Murakami è la grande passione che l’autore nutre per la musica, percepibile attraverso costanti citazioni di gruppi e canzoni che non mancano mai di fare da perfetto sottofondo alle sue storie. Tra i gruppi citati figurano gli Eagles, i Beach Boys, gli Abba, i Beatles, i Fleetwood Mac ed i Bee Gees. Insomma, a mio parere non gli manca proprio nulla e io certamente non voglio che manchi una sua citazione a conclusione di questo articolo. Quindi, eccovela, tratta direttamente dal suo discorso di accettazione del Jerusalem Prize.

Tra un muro alto e solido ed un uovo che si rompe contro di esso, starò sempre dalla parte dell’uovo.
Sì, non importa quanto il muro abbia ragione e quanto l’uovo abbia torto, io starò dalla parte dell’uovo.
Qualcun altro dovrà decidere ciò che è giusto e ciò che è sbagliato; sarà forse il tempo a farlo, o la storia.
Ma se ci fosse un romanziere che, per qualsivoglia ragione, scrivesse stando dalla parte del muro, che valore avrebbero le sue opere?

About author

Melissa Vitiello

Melissa Vitiello

23 anni, tra Napoli e Istanbul. "Voglio scrivere perché ho bisogno di eccellere in uno dei mezzi di interpretazione della vita", diceva Sylvia Plath.

No comments

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi