Garage band #03 – AEREN

0
  1. 9teen Aeren 3:53
  2. Preachers Aeren 4:36
  3. In The Well Aeren 4:33
  4. Filling The Void Aeren 4:45

La nostra rubrica Garage Band  continua presentando gli Aeren, un gruppo formato da ragazzi pugliesi. Il loro sound richiama i brani più famosi di molte band internazionali alternative rock come i Paramore, i Flyleaf o i Foo Fighters, donando sonorità talvolta vagamente aggressive, sicuramente decise e anche piacevoli. A ottobre hanno rilasciato il loro primo EP composto delle quattro tracce che potete ascoltare sul nostro sito, accompagnandolo con un mini-tour che ha toccato diverse città della loro Puglia. Le loro melodie orecchiabili si fondono con una buona capacità di prendere l’ascoltatore amante del genere.

Potete trovare gli Aeren su Facebook e Spotify. Buon ascolto!

Chi siete e da dove venite?

Noi siamo gli Aeren e veniamo da Taranto. Ci chiamiamo Silvia Galetta (voce), Simone D’Andria (chitarra), Simone Solidoro (basso), Cosimo De Marco (batteria).

Come è nata la band?

Il progetto nasce per la prima volta dalla volontà da parte del chitarrista (Simone D’Andria) e del bassista (Simone Solidoro) di portare alla luce i propri lavori inediti, nei primi mesi del 2014. A seguito di numerose difficoltà siamo riusciti a trovare, solo nel maggio 2015, le persone adatte e appassionate del genere: Silvia Galetta (voce) e Cosimo De Marco (batteria). Con loro siamo riusciti a rendere il sound del progetto più rock aggiungendo linee melodiche molto orecchiabili e significative. Nell’agosto del 2015 con l’aiuto di Stuart Slate (Salvatore Buzzerio), abbiamo prodotto il nostro primo EP di 4 brani uscito il 15 ottobre, che da subito ha riscontrato pareri piuttosto positivi da chi ha potuto ascoltarlo. Dopo la pubblicazione dell’EP abbiamo avviato un mini-tour di cinque date per le provincie pugliesi presentando il lavoro con l’inserimento di altre tracce che faranno parte del futuro LP.

Che genere di musica fate, volendo definirla orientativamente?

Il genere che proponiamo è Alternative Rock. Amiamo definirlo così perché nei nostri lavori includiamo le diverse sfaccettature che questo genere può offrire, dalle composizioni tradizionali, fino all’inserimento di tastiere, synth e sequenze live.

Chi sono le vostre ispirazioni, se ne avete?

Le nostre influenze musicali derivano da chi questo genere l’ha portato in voga tra gli anni ’90 e i primi 2000 in Gran Bretagna e negli USA. Band come i Foo Fighters, Muse e Paramore hanno contribuito parecchio all’aspetto compositivo, dalle parti di chitarra e il groove di basso e batteria sino all’inserimento di sequenze live di synth o pianoforte. Per quanto riguarda la voce, ha contribuito nella formazione della nostra cantante anche l’italiana Elisa, specialmente con l’aggressività dei suoi primi lavori.

Perché la musica?

Abbiamo deciso di intraprendere questo viaggio all’interno della musica perché crediamo che sia uno dei mezzi di comunicazione più potenti in assoluto. I nostri brani riportano prevalentemente pensieri rivolti al sociale. Ci riteniamo molto legati al pubblico giovanile data la nostra età, infatti due brani all’interno dell’EP sono dedicate a quelle che possono essere le crisi che noi ragazzi attraversiamo durante la crescita, in particolar modo quando veniamo messi di fronte a delle scelte importanti che possono condizionare il resto della nostra vita.

Definite la vostra musica in tre aggettivi.

Alternativa, profonda, energica.


Garage BandSei un cantautore o hai una band?

Hai degli inediti che aspettano solo di essere ascoltati?

Parte del discorso ti dà la possibilità di metterli in streaming sul suo sito! Per autocandidarti basta mettere Mi piace alla pagina Facebook di Parte del discorso e mandare un’email con oggetto “Garage band” all’indirizzo partedeldiscorso@gmail.com, con una breve bio e almeno quattro brani (anche interi EP o LP sono graditi). Non ci sono scadenze per inoltrare la propria candidatura. Per non perdere nessun aggiornamento sull’iniziativa, vi consigliamo di partecipare all’apposito evento da noi creato. Fatevi avanti, non avete nulla da perdere!

About author

Redazione

Redazione

Attualità, cultura e confronto. Parte del discorso vuole rappresentare ogni lettore e renderlo partecipe al dibattito.

No comments

Potrebbero interessarti

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi