Garage Band #07 – MOSQUITOES

0
  1. Bobby the Bagger Mosquitoes 3:43
  2. Legal Slavery Mosquitoes 4:49
  3. Three Blacks Mosquitoes 2:57
  4. Breath Mosquitoes 4:38
  5. Red Magic Mosquitoes 4:36

È scontato affermare che le zanzare siano fastidiose, ma bisogna ammettere che i Mosquitoes non lo sono affatto. Nati dallo stanzino di un garage, come avrete la possibilità di leggere qui sotto, questo gruppo umbro è cresciuto in maniera esponenziale nel giro di tre anni. Due EP registrati, numerosi live alle spalle e la prossima produzione di un album vero e proprio che, attualmente, è in fase di realizzazione. Un sound che subisce le influenze dei gusti personali di ognuno dei componenti e un genere difficile da definire. Tutto questo e molto altro all’interno del loro EP, che potete ascoltare interamente su partedeldiscorso.it. 

Trovate i Mosquitoes anche su Facebook, Youtube e Soundcloud.

Chi siete e da dove venite?

Siamo i Mosquitoes e veniamo da uno stanzino ricavato da un garage di una casa di periferia nella ridente cittadina di Foligno, in Umbria.

Com’è nata la band?

La band nasce nell’estate del 2012, non sapendo come passare i pomeriggi caldi e afosi, io (Alessandro, piacere) e i miei amici Luca e Ismaele abbiamo deciso di imbracciare rispettivamente basso, chitarra e batteria per poi chiuderci nel garage della casa di quest’ultimo (che successivamente ha dovuto lasciare il gruppo per motivi universitari, lasciando il posto all’attuale batterista Leonardo) per comporre qualche canzone. Pian piano abbiamo constatato che la cosa ci piaceva più del previsto e riuscivamo anche a tirare fuori qualcosa di musicalmente bello, almeno per noi, e così andiamo avanti da 3 anni, in cui nel frattempo si sono aggiunti al progetto Tiberio alla voce e Tommaso con la sua chitarra per potenziare ancora di più il suono che vogliamo far uscire dai nostri pezzi. Siamo arrivati al 2016 con due EP registrati in studio all’attivo, il primo album vero e proprio in fase di composizione che registreremo quest’anno e ovviamente moltissimi live alle spalle, che ci permettono di uscire dal famoso garage, far sentire ad altri esseri umani ciò che facciamo lì dentro (oltre a bere, va be’ dai tutti lo fanno e tutti lo sanno, quindi tanto vale dirlo) e poter vedere che il nostro lavoro viene apprezzato è sicuramente la soddisfazione più grande che si possa avere.

Che genere di musica fate, volendo definirla orientativamente?

Il bello è che all’ascolto dei nostri lavori, chiunque ci abbia recensito, sentito o scritto della nostra musica ci ha sempre descritto in un modo diverso soffermandosi ogni volta su un diverso particolare dei nostri pezzi, catalogandoci sempre in un genere diverso. Noi mettiamo semplicemente in musica le nostre idee cercando di tirarne fuori qualcosa che ci piaccia sul serio. Lasciamo che sia chi ci ascolterà a paragonarci al genere che pensa sia più giusto. Certo possiamo dire che non suoniamo musica da camera.

Chi sono le vostre ispirazioni, se ne avete?

Di ispirazioni ne abbiamo anche troppe e ognuno di noi ha le sue; dal grunge con gruppi come Pearl Jam e Soundgarden, all’hard rock dalle sonorità più moderne a quelle che hanno resi grandi gli anni ’70/80 con Queens of the Stone Age, Guns’n’Roses e Led Zeppelin (sempre per citare dei gruppetti), fino a gruppi rock contemporanei anche meno conosciuti qua in Italia, ma che stanno radunando un gran numero di fans anche qui da noi (finalmente), come Biffy Clyro o Eagles of Death Metal (che purtroppo sappiamo tutti in che modo terribile sono finiti sotto i riflettori).

Perché la musica?

Perché è l’unica cosa che ci piace (cioè, “unica” si fa per dire, ci sono tanti altri “mi piace” scontati di cui non parleremo qui. Va be’ ci siamo capiti, no?!). W la musica.

Definite la vostra musica in tre aggettivi.

Spontanea, coerente, nostra.


Garage BandSei un cantautore o hai una band?

Hai degli inediti che aspettano solo di essere ascoltati?

Parte del discorso ti dà la possibilità di metterli in streaming sul suo sito! Per autocandidarti basta mettere Mi piace alla pagina Facebook di Parte del discorso e mandare un’email con oggetto “Garage band” all’indirizzo partedeldiscorso@gmail.com, con una breve bio e almeno quattro brani (anche interi EP o LP sono graditi). Non ci sono scadenze per inoltrare la propria candidatura. Per non perdere nessun aggiornamento sull’iniziativa, vi consigliamo di partecipare all’apposito evento da noi creato. Fatevi avanti, non avete nulla da perdere!

About author

Redazione

Redazione

Attualità, cultura e confronto. Parte del discorso vuole rappresentare ogni lettore e renderlo partecipe al dibattito.

No comments

Potrebbero interessarti

Da sinistra, Vladimir Putin e Alexei Navalny

Navalny: non dovremmo avere mai paura di esprimerci

[caption id="attachment_7929" align="aligncenter" width="1200"]

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi