Garage Band #09 – NEW FOUND ERA

0
  1. Molotov New Found Era 03:51
  2. Give Me a Sign New Found Era 03:23
  3. Hey You! New Found Era 02:21
  4. Red Moon New Found Era 04:25
  5. Crawl New Found Era 03:26

Spietatamente irruenti, sfacciatamente rock. Garage band vi porta nel mondo dei New Found Era, band romana che vi farà letteralmente impazzire (o almeno scuotere la testa). Serrati nei tempi, i New Found Era vi manderanno in overdose con un’iniezione letale di purissima energia. La loro musica è intrinsecamente grunge, potenzialmente eclettica, forte delle numerosissime e più disparate influenze che però sono difficilmente riconoscibili all’ascolto, amalgamate in un tutt’uno omogeneo.

Oltre che in streaming qui su partedeldiscorso.it, potete seguire i New Found Era sulla loro pagina Facebook. Stay tuned, stay rock!

Chi siete e da dove venite?

Noi siamo i New Found Era e veniamo tutti da Roma, abbiamo tutti più di vent’anni e siamo tutti studenti. La band è composta da Luciano Cacciapuoti (voce e chitarra), Francesco Lumaca (basso), Gabriele Martella (chitarra solista) e Riccardo Gregori (batteria).

Com’è nata la band?

I New Found Era sono nati circa 2 anni fa, sono giunti a formazione completa con l’arrivo del batterista Riccardo Gregori nel settembre 2015. La band nasce dalla volontà del chitarrista/voce e del bassista che, dopo una pregressa esperienza insieme, fondarono questo progetto dalle ceneri di quello passato, per questo la scelta del nome New Found Era.

Che genere di musica fate, volendo definirla orientativamente?

Autodefinire un genere è sempre impegnativo perché ci si vede sempre paragonati ad artisti fenomenali che vi appartengono. Noi orientativamente facciamo post-grunge con dei richiami all’hard rock e al punk. Comunque ci dedichiamo alla composizione di musica piena di energia che in un modo o nell’altro riesce sempre a sprigionare (speriamo sia una sensazione comune anche al pubblico) potenza.

Chi sono le vostre ispirazioni, se ne avete?

Noi abbiamo molte cose a cui ci ispiriamo. Le canzoni sono scritte per ora dal cantante, contemporaneamente anche chitarrista. Nelle sue canzoni e musiche è presente l’influenza di band grunge come Foo Fighters, Nirvana, Soundgarden, ma anche band di altri generi come gli Alter Bridge, i Black Stone Cherry e gli Stone Sour. Cosa molto interessante è la varietà di gusti che posseggono i componenti della band, come il chitarrista solista più dedito al metal di gruppi come gli Avenged Sevenfold, il batterista che si ispira a band come Placebo e Muse ma anche generi più hard come ad esempio gli Alesana e System of a Down e infine ci sono i gusti del bassista che come gli altri, dai gusti poliedrici, vede le sue influenze in artisti come Björk, Guns N’ Roses, Florence and The Machine e molti altri. Purtroppo non possiamo elencare tutti i gruppi che ci ispirano ogni giorno nella composizione, ma possiamo assicurare che ce ne sono molti altri che rendono la nostra musica quel che è.

Perché la musica?

La musica per noi è un modo per sfogarci, è il nostro porto franco. In essa noi mettiamo noi stessi sia a livello creativo che emozionale. È il nostro modo di comunicare. La musica, a chi prima e a chi dopo, ci ha sempre accompagnato e non possiamo farne a meno. Sinceramente ci troviamo in difficoltà a spiegare il perché di questa scelta artistica, probabilmente perché non la vediamo come una scelta ma come un percorso obbligato, è come se la musica avesse scelto di aiutarci a esprimerci. Quindi semplicemente alla domanda “Perché la musica?”” L’unica risposta che riusciamo a dare è perché essa è parte di noi e (speriamo) noi di lei.

Definite la vostra musica in tre aggettivi.

Potente, coinvolgente e passionale.


Garage BandSei un cantautore o hai una band?

Hai degli inediti che aspettano solo di essere ascoltati?

Parte del discorso ti dà la possibilità di metterli in streaming sul suo sito! Per autocandidarti basta mettere Mi piace alla pagina Facebook di Parte del discorso e mandare un’email con oggetto “Garage band” all’indirizzo partedeldiscorso@gmail.com, con una breve bio e almeno quattro brani (anche interi EP o LP sono graditi). Non ci sono scadenze per inoltrare la propria candidatura. Per non perdere nessun aggiornamento sull’iniziativa, vi consigliamo di partecipare all’apposito evento da noi creato. Fatevi avanti, non avete nulla da perdere!

About author

Redazione

Redazione

Attualità, cultura e confronto. Parte del discorso vuole rappresentare ogni lettore e renderlo partecipe al dibattito.

No comments

Potrebbero interessarti

In foto, John Lennon

Lennon & The Walrus: la rivincita del nonsense

[caption id="attachment_10536" align="aligncenter" width="900"]

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi