L'immensità del The Tallest man on Earth [FOTO]

0

Dev’essere un vizio, il suo, quello di continuare a fare sold-out; infatti dopo il tutto esaurito nella tappa milanese di ottobre e torinese di venerdì scorso The Tallest man on Earth non ha risparmiato neanche il Quirinetta di Roma. Successo forse scontato, ma sicuramente non immeritato per colui che è considerato l’erede di Bob Dylan.

Alle 21:30 sale sul palco Markus Svensson, in arte Tarantula Waltz, anch’esso cantautore svedese, che porta, armato d’acustica, cinque suoi brani a cui vengono dedicati da parte del pubblico un brusio non meritato, ma d’obbligo per ogni gruppo d’apertura.

Sono le 22:10, le luci si spengono ed è finalmente il momento dell’artista che stavamo tutti aspettando, The Tallest Man on Earth o semplicemente Kristian Matsson, seguito da Mike Noyce, chitarra e violino, Ryan Matthew al basso, Zach Hanson alla batteria con un set a doppia cassa e per finire Ben Lester alle tastiere e sintetizzatore. Si inizia con Wind and Walls, per poi continuare con 1904 e Fields Of Our Home alla fine dei quali esclama in inglese “Grazie per essere qui di sabato sera. Per noi ogni sera è sabato sera” e poi in italiano con un bellissimo “Grazie Roma”.

Kristian appare subito pieno di energie, si muove per il palco e non rimane mai fermo, al contrario del suo gruppo che sembra inchiodato alle proprie posizioni, oscurato dall’ombra dell’uomo più alto del mondo. Ma la verità è che il concerto deve essere un one man show, in modo che la personalità del cantautore svedese si possa esprimere senza limiti come vediamo in diverse canzoni che non vengono accompagnate, lasciando spazio alla sola acustica, anzi alle sole, visto che avrà cambiato una decina di chitarre durante tutto il concerto.

Il pubblico è estasiato e si lascia trasportare subito dalle sue movenze, parte presto un battito uniforme di mani che accompagna l’artista, che però chiederà silenzio e lo farà spesso durante le quasi due ore di concerto. Su I won’t be found sbaglia un attacco, ma sfodera un sorriso ed è già perdonato, con le urla del pubblico a sostenerlo.

Encore finale con una The Dreamer leggermente più pop rispetto a quella cui siamo abituati e una Like the Wheel semplicemente stupenda, con Matsson al centro e la band a destra disposta a coro con due microfoni.
A 32 anni e dopo quattro anni si mostra pronto alla consacrazione definitiva come artista, capace di creare grande armonia tra gli strumenti e il pubblico. Chapeu.

Scaletta

Wind and Walls
1904
Fields Of Our Home
Slow Dance
The Wild Hunt
Darkness Of The Dream
Love Is All
I Won’t Be Found
The Gardener
Sagres
Revelations Blues
Timothy
Thousand Ways
Little Nowhere Towns
It Will Follow The Rain
Where Do My Bluebirds Fly
Seventeen
King Of Spain
Dark Bird Is Home

The Dreamer
Like The Wheel

About author

Francesco Montagnese

Francesco Montagnese

Classe '97, Calabrese di nascita, ma romano d'adozione. Nel tempo libero scrivo poesie e suono il violino.

No comments

Potrebbero interessarti

La foto promozionale della nuova serie originale Netflix, Maniac

Maniac on Netflix: trenta secondi

30 secondi è il tempo che impiega Owen per scappare, il tempo che impiega lo spettatore ad appassionarsi a Maniac, nuova serie originale Netflix.  Toni grotteschi, ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi