Garage Band #13 – TELEPATHIC DREAMBOX

0
  1. Acid Moon Telepathic Dreambox 3:24
  2. Before You Back Again Telepathic Dreambox 3:53
  3. Shaka Shaka Telepathic Dreambox 4:08
  4. Silver Mate Telepathic Dreambox 4:48

I Telepathic Dreambox sono veramente particolari. Il loro sound variegato si ispira a grandissime band come i Rolling Stones, i Pink Floyd, i Doors, i Beatles e altri. Ritmi ossessivi e suoni talvolta oscuri, vintage ed essenzialmente unici. Sono nati a Taranto da non troppo tempo e vantano già un disco di sette brani registrato all’interno di un’antica cantina di un ambiguo stabile rurale dei primi del ‘900, rivestita totalmente in pietra. È anche grazie a questo che il loro groove è molto suggestivo. Potete ascoltare i pezzi sul nostro sito e trovarli su Facebook, YouTube, Soundcloud e Twitter.

Chi siete e da dove venite?

I Telepathic Dreambox sono una rock band psichedelica, nata a Taranto sul finire del 2014. La Band è composta da Marco Sisto (vox, guitar), Pierluigi De Pierro (bass), Fabrizio Lavegas (guitar), Elyo Di Menza (key, guitar, vox) e Lorenzo e Velle (drums)

Come è nata la band?

La band nasce da un idea di Fabrizio Lavegas e Marco Sisto. Insieme cercano nella propria città i restanti componenti, nel florido seppur provinciale movimento musicale tarantino, con la volontà di condividere gusti, esperienze musicali, visioni e vita. Ogni componente della formazione finale ha alle spalle esperienze con realtà musicali importanti; tutti hanno sempre lavorato e collaborato tra di loro alla promozione e alla realizzazione di musica, concerti e festival indipendenti nel territorio. Ognuno di noi ha negli anni suonato, prodotto e orbitato intorno a questo luogo che noi abbiamo ribattezzato “la Cripta”, una cantina di un edificio rurale del primo Novecento che è poi la nostra sala prove, la nostra fucina creativa a tutto tondo. Si concretizza in questo modo il mondo dei Telepathic Dreambox .

Che genere di musica fate, volendo definirla orientativamente?

La band condivide la visione acid del suono e del tempo, muovendosi tra la California lisergica, il Texas oscuro, la Detroit violenta, la Londra acida, le evocazioni shamaniche degli Indiani d’America, la spiritualità orientale in generale, cercando così di creare una propria identità ma con una matrice che sorge dal blues ed esplode in un dark psichedelico.

Chi sono le vostre ispirazioni, se ne avete?

La nostra ispirazione deriva da tutto ciò che ci circonda. I nostri gusti musicali sono vari, passando da artisti come Robert Johnson, Rolling Stones, Beatles, Doors, Pink Floyd, Hawkwind fino ad arrivare a nuove realtà come Black, Angels, Goat, Tinariwen.

Perché la musica?

La musica è ciò che siamo. La Musica è Arte, ma sebbene l’Arte sia per tutti non è da tutti. Intendiamo dire che ognuno di noi è innanzitutto un musicista nell’animo, la nostra primaria forma di espressione sono le note, gli accordi, le rullate, i cori e tutto ciò che l’espressione musicale permette di fare (c’è davvero un limite?). Dunque si può dire che la Musica è la nostra Arte, ed è con l’Arte che si codifica e si celebra la bellezza che c’è nell’Universo. Tramite la musica si possono creare mondi che poi potranno essere condivisi , in modo da stimolare e far vivere esperienze sia stando dalla parte dell’autore che da quella del fruitore.

Definite la vostra musica in tre aggettivi.

Ipnotica, evocativa, passionale.


Garage BandSei un cantautore o hai una band?

Hai degli inediti che aspettano solo di essere ascoltati?

Parte del discorso ti dà la possibilità di metterli in streaming sul suo sito! Per autocandidarti basta mettere Mi piace alla pagina Facebook di Parte del discorso e mandare un’email con oggetto “Garage band” all’indirizzo partedeldiscorso@gmail.com, con una breve bio e almeno quattro brani (anche interi EP o LP sono graditi). Non ci sono scadenze per inoltrare la propria candidatura. Per non perdere nessun aggiornamento sull’iniziativa, vi consigliamo di partecipare all’apposito evento da noi creato. Fatevi avanti, non avete nulla da perdere!

About author

Redazione

Redazione

Attualità, cultura e confronto. "Parte del discorso" vuole rappresentare ogni lettore e renderlo partecipe al dibattito.

No comments

Potrebbero interessarti

50130

Il cinema della crisi 2 – Miss Violence

DISCLAIMER: CONTIENE SPOILER, #STACCE Nel primo capitolo della serie vi avevamo proposto Kynodontas, un lavoro di Yorgos Lanthimos. Torniamo ora a parlare della strana onda greca con Miss Violence, ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi