Chanel Cruise, quando la moda approda nella storia

0
Chanel Cruise 2016/17, foto di Olivier Saillant

Chanel Cruise 2016/17, foto di Olivier Saillant

Cuba, 1955 – Gli Stati Uniti sono il primo partner commerciale cubano.

Messico, 30 dicembre 1958 – Fidel Castro, insieme a Ernesto Guevara, pianifica una lotta contro il regime dittatoriale di Fulgencio Batista.

Avana, Cuba, 8 gennaio 1959 – Fidel Castro entra trionfante nella capitale, legalizzando il partito comunista, nel cuore della guerra fredda.

Usa, 16 aprile 1961 – J.F. Kennedy appoggia gli esuli cubani per organizzare una controrivoluzione, destinata a fallire, stringendo ulteriormente i rapporti tra l’isola caraibica e l’Unione Sovietica.

Usa, 25 aprile 1961 – Gli Stati Uniti decretano “El bloqueo”, un embargo totale verso Cuba, la quale sarà costretta alla dipendenza dall’Unione Sovietica.

Cuba, 14 gennaio 2013 – I cittadini cubani possono uscire dall’isola con il solo passaporto, senza le altre formalità burocratiche richieste fino a quel giorno.

Usa, dicembre 2014Barack Obama decide di allentare l’embargo, consentendo import ed export con Cuba.

Avana, Cuba, 14 agosto 2015 – Dopo la riapertura delle ambasciate nelle rispettive capitali, viene issata la bandiera americana sul lungotevere del Malecon.

Cuba, 3 maggio 2016 La maison francese Chanel per la prima volta approda sulle coste caraibiche di Cuba, con la precollezione 2016/17, Cruise, e il leggendario basco di Che Guevara si ricopre di lustrini.

Ebbene sì, tra il fumo dei sigari e qualche Mojito, Paseo del Prado, la strada più importante della capitale, viene illuminata e assieme a leoni di bronzo e automobili d’epoca si trasforma in una passerella. La rumba in sottofondo completa l’atmosfera tipicamente latina e ci riporta negli anni ’50, in una Cuba pre-rivoluzionaria, colori vivaci e freschi abbinati a tagli vintage, paillettes e fantasie floreali, dal mood spensierato, leggero, come se fossimo appena scesi da una nave da crociera. Protagonisti sono i baschi, le camicie sbottonate, le gonne dei volumi morbidi e i volti delle modelle non sono ricoperti di trucco, bensì da un velo di illuminante, che scalda l’incarnato abbronzato.

Sul catwalk, insieme alle top model internazionali, la scelta è stata mirata alle bellezze cubane, dalla pelle ambrata e i tratti ispanici. Anche Tony Castro, nipote di Fidel, ha avuto l’onore di sfilare e lanciarsi come nuova promessa della moda.

Questa volta Karl Lagerfeld non ha pensato a un normale fashion show, ma ad una celebrazione di unione di Cuba con il mondo, l’eleganza è diventata lo sfondo di una tappa storica che non si dimenticherà, segnando una battaglia contro l’embargo combattuta con l’arma del glamour.

About author

Paola De Nicola

Paola De Nicola

Paola De Nicola, diciannove anni, Napoli

No comments

Potrebbero interessarti

Cinebossy #05 – Harry ti presento Sally

Cinebossy #05 – Harry ti presento Sally

[caption id="attachment_7971" align="aligncenter" width="1920"]

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi