Supersonic: degli Oasis si innamoreranno sempre

0
In foto, Liam e Noel Gallagher, leader degli Oasis

In foto, Liam e Noel Gallagher, leader degli Oasis

Non posso credere, non posso neanche immaginarlo, che esisterà mai un Noel senza chitarra. Un Gallagher seduto alla scrivania, o qualcosa del genere. O un Liam con la barba bianca che canticchia in salotto. Da qualche parte, in qualche universo parallelo, dove il tempo va più lento, gli Oasis esistono ancora e suonano insieme, ecco quello che penso ogni volta che li sento.

L’eco di quel “shine” così particolare che solo Liam sa cantare riecheggerà nei secoli dei secoli. Quella camminata dinoccolata e assurda la richiameremo alla memoria quando vorremo.

Il britpop non potrebbe esistere senza di loro, né loro senza di lui. Non smetteremo mai di innamorarcene. È uscito pochi giorni fa il documentario di Mat Whitecross, Supersonic, a distanza di sette anni dall’ultimo concerto non-suonato dal gruppo. Gli Oasis si sono sciolti nel 2009, perché li ascoltiamo ancora?

Perché erano (sono?) bravi. Oggettivamente bravi. Capaci di suonare, capaci di scrivere. Liam, che sembrava dedito a cantare e basta (se dimentichiamo il tamburello, mh), ha scritto due pezzi come Songbird e Outta time.
Gli Oasis ci piacciono perché spesso non rispettano le convenzioni che dovrebbero seguire: «Quello che noi abbiamo fatto in tre anni» ha detto Liam a Whitecross «i Beatles lo hanno fatto in otto».

E comunque i Beatles ce li ricordano: per musica (cfr. Go let it out), per avere come forza motrice una coppia di titani («Non sono come John Lennon, che credeva di essere l’Onnipotente. Penso solo di essere John Lennon», disse Noel), per essersi sciolti e basta, senza riunioni e ricongiungimenti finanziati da ignoti benefattori. E incarnano il sogno del working class hero. La foto per la copertina del primo album è stata scattata nel salotto di Paul Arthurs mentre i ragazzi guardano un film (presumibilmente Il buono, il brutto e il cattivo). Non menzioneremo neanche il fatto che il figlio di Ringo abbia fatto parte del gruppo dal 2004 al 2008.

Gli Oasis ci piacciono perché ci fanno dimenticare tutto e contemporaneamente parlano come noi. I am feeling supersonic, give me gin and tonic”. Non champagne, non vini francesi ma il drink più comune del mondo. “What a life it would be if you would come to mine for tea / I’ll pick you up at half past three and we’ll have lasagne”. Non dobbiamo per forza dirci qualcosa per fare una canzone che funzioni. Non dobbiamo riempire le note con luoghi comuni. Possiamo anche cantare e basta.

Senza strumenti e senza palco, incarnano il ruolo di ragazzo di Manchester diventato famoso e che voleva guadagnare un sacco di soldi. Né più, né meno. «Non sei figo se te ne stai in un angolo, fumando sigarette, sorseggiando champagne tra una citazione di Kerouac e l’altra. Sei un figo se non te ne frega un cazzo di quello che dice la gente e di come ti vesti. Sei figo se non fai il figo» (Noel). In sostanza, non si lasciano elevare a modelli o esempi ma lasciano che sia la loro musica a renderli degni di stima. E funziona, perché la loro musica ci piace. E continuerà a piacere ancora, tra dieci, venti, cento anni.

About author

Ilaria Arghenini

Ilaria Arghenini

Mi piace ascoltare racconti e viaggiare in treno, e questo è la causa di tutto: perché mi tocca leggere abbastanza da dover porre ad altri le domande che restano, e a volte trascrivo quello che ne scaturisce. Vivo in un piccolo paese della bassa lombarda, ho studiato lingue e letteratura, sto poco ferma, amo poco le foto e molto the Killers.

No comments

Potrebbero interessarti

Dettaglio della copertina di Solo bagaglio a mano, di Gabriele Romagnoli

Solo bagaglio a mano: la vita in uno zaino di massimo 5 chili

[caption id="attachment_10625" align="aligncenter" width="900"]

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi