A Christmas Carol: quando la novella diventa opera

0
La locandina di A Christmas Carol

La locandina di A Christmas Carol

A dicembre aleggia nell’aria il profumo di pan di zenzero e l’atmosfera è tutta lucine e canzoncine, la gente si aggira nei negozi e per le vie del centro alla ricerca di un pensiero o di un’idea e tutti, proprio tutti, entrano in uno speciale mood natalizio che riveste tutto di luci e speranze. Nello stesso periodo, la mente di un lettore rispolvera uno dei più grandi classici di tutti i tempi: Canto di Natale di Charles Dickens. Non esiste persona al mondo che non abbia incontrato almeno una volta Ebenezer Scrooge. Si comincia fin da piccoli a conoscere i Fantasmi del Natale, grazie al cartone animato della Disney, e da più grandicelli si legge il libro, per intero o in versione ridotta, in italiano o in lingua originale. Ma cosa succede se il canto di Natale diventa un’opera?

Se Canto di Natale diventa un’opera tutto cambia, la prospettiva diventa più intima, la storia assume contorni nuovi e gli spazi diventano più ampi e ricchi di sfumature. Questa novità si deve a Iain Bell, compositore inglese e nome nuovo per il pubblico italiano. La sua seconda opera, A Christmas Carol, appunto, ha debuttato nel 2014 alla Houston Grand Opera, ma è arrivata alla sua prima italiana solo pochissimi giorni fa a Trento grazie alla Fondazione Haydn. Ha ricevuto una nomination agli International Opera Awards nel 2015 ed è andata in scena alla Welsh National Opera, nell’allestimento firmato da Polly Graham. Questa personale rivisitazione dell’opera dickensiana è interpretata meravigliosamente da Mark Le Brocq, con la collaborazione di Veronica Risatti e la magistrale esecuzione dei musicisti presenti.

Lo spettacolo assorbe lo spettatore fin dalla prima battuta e lo trascina con Scrooge tra passato, presente e futuro, in un turbinio di ricordi e impressioni che, ancora una volta, ci ricordano che è possibile essere persone migliori e cambiare il nostro mondo per il bene nostro e degli altri. Il messaggio di una delle favole più conosciute e tuttora attuali è perfettamente inglobato in musiche, strofe, azioni e colori. L’evoluzione dell’anima di Scrooge viene esplorato con maestria attraverso la musica, che rende i diversi momenti e i sentimenti, svelando fino in fondo l’animo di questo uomo destinato all’eterna dannazione, al quale viene data la possibilità di riscattarsi.

La morale dell’opera è fin troppo chiara: non è mai troppo tardi per ripartire da zero e cambiare. Capire le conseguenze delle nostre azioni sugli altri e cambiare non è cosa facile, ma è possibile, ogni giorno dell’anno… ma a Natale un po’ di più!

About author

Antonella Beozzo

Antonella Beozzo

Blogger, Bookaholic. Appassionata di libri, musica, film e natura, colleziono libri, istantanee e ricordi. Classe 1989, aspirante storyteller e clarinettista per diletto.

No comments

Potrebbero interessarti

Basir Ahang sul set del film Sembra mio figlio, di Costanza Quatriglio

In Sembra mio figlio, un protagonista (uomo) per una storia di donne [ANTEPRIMA]

[caption id="attachment_14781" align="aligncenter" width="1200"]Basir Ahang sul set del film...            </div>
        </article>
        
        </div>
    
</div><!-- .recommend-box -->        		            <script>
                ytframe_ID = [];
            </script>
            
            <div class=

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi