Il suono del mondo a memoria: il silenzio assordante di Bevilacqua tra jazz e New York

0
Il suono del mondo a memoria, Giacomo Bevilacqua

Il suono del mondo a memoria, Giacomo Bevilacqua

Giacomo Bevilacqua e la Bao ci portano a New York. Terra Satis è il luogo perfetto per avere silenzio, pace e un cappuccino caldo. Per ascoltare il suono del mondo mentre vi racconto di una graphic novel che mi ha lasciata di stucco. È la seconda volta che poche linee vicine mi attraggono al punto da fermarmi a leggere e dire: “Secondo me è bello questo”. Lo capisci dai disegni, forse, dai colori, magari da pagine mute che ti obbligano a lavorare di fantasia e a costruire una storia secondo la tua esperienza, il tuo vissuto.

1… 2… 3… 4…

Il suono del mondo a memoria è così. È la storia di Sam, sordo oramai alla voglia di vivere e di rischiare che si rintana nella sua seconda casa, nella sua safe zone. New York, il centro nevralgico in cui si scontrano gomitate e persone, vite e relazioni, dove tutto inizia e finisce senza che tu sia pronto e possa rendertene conto. Sam è li per una prova, una sfida con se stesso da superare che si trasforma in una caccia al dettaglio e alle motivazioni che spingono la città a regalargli piccole delizie quotidiane. Il tutto sulle note jazz di Chet Baker che suona I’ve grown accustomed to her face in continuazione nelle cuffie e nella testa di Sam.

1… 2… 3… 4…

Giacomo Bevilacqua proprio nell’anno appena finito passa da un Panda ansioso (A Panda piace) a un giovane uomo – altrettanto ansioso – che ha paura di dimenticare, paura di vivere di nuovo e di passare avanti.

Il suono del mondo a memoria, Giacomo Bevilacqua

Il suono del mondo a memoria, Giacomo Bevilacqua

1…

La profondità e l’intimità di questa graphic novel sono paradossali. Tutto superficiale e rapido, tutto veloce e sfuggente. Ti rimepie di parole, di pensieri e di immagini a tal punto che non sai più cosa fare: leggo o guardo, guardo o leggo? Come quando si sta al passo con una serie tv e si leggono i sottotitoli cercando di non perdersi tra tutte quelle parole. È paradossale perfino il silenzio che cerca Sam, totalmente assente in questo percorso. Quella solitudine che grida chiasso e rumore e suoni. Le cuffie che vibrano, il suo flusso di peniseri che riempie irrimediabilmente quasi ogni pagina, ogni striscia de Il suono del mondo a memoria.

2…

Il suono del mondo a memoria, Giacomo Bevilacqua

Il suono del mondo a memoria, Giacomo Bevilacqua

In questo modo un po’ caotico Bevilacqua ci lascia la possibilità di perdere il controllo e di farci trascinare dal cambiamento repentino delle emozioni, dalle abitudini bruscamente interrotte, dalla paura di non ricordare chi amiamo. L’andare avanti non è mai un errore, l’andare avanti ti salva la vita, è quella la via di fuga, non la fuga in se. Solo che a leggerlo lo sappiamo fare tutti, a metterlo in pratica forse un po’ meno.

3…

Bevilacqua e Sam ci dicono questo, ci dicono di affrontare le cose perché New York, così come il tempo e la vita composta da un misto di destino e casualità, sanno sempre ripagare. Alla fine, dunque, vi troverete davanti una graphic novel un po’ chiassosa ma di un impatto grafico che compensa senza dubbio. E tanto, tanto su cui riflettere e che come molti ignorerete, prenotando il primo volo per la vostra safe zone.

4…

About author

Ylenia Del Giudice

Ylenia Del Giudice

Classe '89, romana. Appassionata dell'arte in generale, di mercatini e di tutto ciò che non conosco, lavoro in una tipografia tra inchiostri e grafiche. Non amo affatto le imposizioni e mi piace sperimentare perché mi annoio spesso. Dormo poco, bevo tanto caffè e sono una fan dei telefoni spenti.

No comments

Potrebbero interessarti

In foto, Toni Servillo ne La Ragazza Nella Nebbia, film d'esordio di Donato Carrisi

La Ragazza Nella Nebbia, cioè l'analisi del male [ANTEPRIMA]

[caption id="attachment_11281" align="alignnone" width="1382"]In foto, Toni Servillo ne La Ragazza Ne...            </div>
        </article>
        
        </div>
    
</div><!-- .recommend-box -->        		            <script>
                ytframe_ID = [];
            </script>
            
            <div class=

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi