Il Diritto di Contare: l'importanza di essere i numeri uno [ANTEPRIMA]

0
Octavia Spencer, Taraji P. Henson, Janelle Monáe in Il diritto di contare

Octavia Spencer, Taraji P. Henson, Janelle Monáe in Il diritto di contare

Torniamo a parlare di diritti, di uguaglianza e di lotte sociali. Torniamo a parlarne al cinema, dove Il Diritto Di Contare (che esce nelle sale italiane l’8 marzo) ci racconta una parte di America negli anni ’60 che stentiamo a riconoscere.

Con la regia di Theodore Melfi scopriamo la vera storia di  Katherine Johnson (interpretata da Taraji P. Henson, Il curioso caso di Benjamin Button), Dorothy Vaughn (Octavia Spencer, Drag Me to Hell) e Mary Jackson (Janelle Monae, cantautrice e attrice vista recentemente in Moonlight).

Le tre protagoniste sono affiancate da un cast altrettanto valido e particolare: Kevin Costner (Balla coi lupi) nei panni di un burbero sognatore Al Harrison, Kirsten Dunst (Melancholia) che interpreta  Vivian Jackson, la tipica donna autoritaria costretta in un sistema sociale rigido nel quale riesce a trovare delle faglie e Jim Parsons (l’ormai noto Sheldon Cooper di The Big Bang Theory) che veste i panni di Paul Stafford.

La trama de Il diritto di contare

Una storia molto semplice e lineare: tre amiche, ognuna con la propria vita, che lavorano alla NASA, in un distaccamento per soli neri. Un problema di colore che separa loro dal sogno americano nella Virginia del 1960. Donne e nere. Che però grazie alle loro competenze, alla voglia di fare e a un ambiente che riconosceva in parte le loro abilità, raggiungono i loro obiettivi. Con la loro buona dose di difficoltà senza dubbio. Il tutto accompagnato da quel clima un po’ vintage, abiti sartoriali che tornano di moda e una musica jazz che accompagna quegli ambienti familiari in cui ci si ritrova la sera.

Il diritto di contare: se ce la fai

Il film finisce e tu sei lì, seduta come una stronza che deve necessariamente riflettere ma che non vuole, perché sa già che il risultato sarà uno soltanto: puoi impegnarti ma resterai sempre il Paul Stafford della situazione, l’eterno secondo. Perché lui è l’esempio lampante di quello che studia e che fa il suo lavoro e loro, nello specifico Katherine Johnson, sono l’esempio delle donne con una marcia in più. Alle quali libri e manuali sono serviti solo per solidificare ciò che già sapevano, ciò per cui erano portate. Un genio della matematica, un ingegnere, una programmatrice.

Il Diritto di Contare non è solo il diritto allo studio, un focus sul dovere di incentivare le menti brillanti, ma è anche un focus sulla meritocrazia e sul posto che ognuno deve meritare. Cosa che, per ovvi motivi sessisti e razzisti, non fu un facile traguardo. E in certi casi non lo è nemmeno oggi.

Forse un po’ troppa enfasi, forse un po’ troppo centralizzato su una storia a lieto fine che è quasi difficile da credere. I buono propositi e quegli ideali di uguaglianza lasciano lo spettatore un po’ imbarazzato, perché sì, come dice Al Harrison “qui alla NASA la pipì è tutta dello stesso colore”, ma prima che qualcuno riconosca lo stesso colore, troppo tempo dovrà passare.

Katherine Johnson, Dorothy Vaughn e Mary Jackson sono state davvero di supporto per il miglioramento della NASA. Tre scienziate afro-americane che hanno costituito la bozza del progetto sul quale Obama ha scelto in parte di costruire la sua campagna elettorale all’epoca. Un film che lascia lo stesso messaggio, un Yes we can che se non sei però già di tuo qualcuno, è difficile da pronunciare. E non parliamo di estetica, attenzione. Parliamo di testa, di cervello, di quella macchina che nemmeno l’IBM avrebbe mai potuto sostituire.

About author

Ylenia Del Giudice

Ylenia Del Giudice

Classe '89, romana. Appassionata dell'arte in generale, di mercatini e di tutto ciò che non conosco, lavoro in una tipografia tra inchiostri e grafiche. Non amo affatto le imposizioni e mi piace sperimentare perché mi annoio spesso. Dormo poco, bevo tanto caffè e sono una fan dei telefoni spenti.

No comments

Potrebbero interessarti

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi