Dichiarazione d'amore alla biblioteca

0
Ricordo ancora quando la maestra di Italiano delle elementari ci ha portato per la prima volta in assoluto in biblioteca. Ero in paradiso.

Ricordo ancora quando la maestra di Italiano delle elementari ci ha portato per la prima volta in assoluto in biblioteca. Ero in paradiso.

Ricordo ancora – a distanza di anni, molti – quando la maestra di Italiano delle elementari ci ha portato per la prima volta in assoluto in biblioteca. Ricordo ancora la porta gialla davanti alla quale ci siamo fermati, la maestra chiedendoci di fare silenzio per rispettare le altre persone presenti. Una volta entrati, l’esplosione di libri, ovunque: sugli scaffali, nei cassettoni, sui carrelli, sul bancone della bibliotecaria, sui tappetoni nella zona bambini. In quel momento, non ho avuto nessun tipo di dubbio: mi trovavo in paradiso.

Ricordo ancora la passione e l’impegno con cui compilavo le schede di lettura, mostrandole con orgoglio ai miei genitori e alla maestra; i miei compagni che mi lasciavano gestire la piccola biblioteca di classe; i sabato mattina d’estate passati in biblioteca, tornando a casa sempre con il bottino pieno (ma come, al massimo solo cinque libri posso prendere?!). La biblioteca è stata il punto fisso della mia infanzia, non solo fonte inesauribile di libri, ma anche punto di partenza di altre mille avventure.

Biblioteca: qualche buon motivo per richiedere la tessera

Ormai sono giunta alla fine del mio anno di servizio civile in biblioteca e di una cosa sono certa: la tessera della biblioteca è un passaporto per il mondo.

È gratuita – al massimo può richiedere un piccolo contribuito – e permette di viaggiare nel tempo e nello spazio: da un paese all’altro, da una cultura a una agli antipodi, dal medioevo al 2080. Anche quando non trovi il libro che stai cercando, è così immensa che scoprirai di sicuro qualcosa di altrettanto bello. Un libro che attirerà la tua attenzione, che ti farà fermare davanti allo scaffale a sfogliare febbrilmente le pagine, e ti farà infrangere la promessa di non portare a casa più di due libri. Oppure, puoi sempre provare il servizio di interprestito e chiedere il volume interessato a un’altra biblioteca, che gentilmente lo spedisce alla tua di fiducia.

La biblioteca è un luogo sempre vivo, in movimento, in fermento, in tumulto. Spesso si organizzano eventi culturali, presentazioni di autori, dibattiti, esposizioni, letture animate per i più piccoli, gruppi di lettura per condividere idee e sensazioni. Il personale ama il proprio lavoro, è competente e (chi lo avrebbe mai detto!) è ben contento di parlare di libri: chiedi e ti sarà dato. E quando tornerai la prossima volta e lo ringrazierai per l’ottimo suggerimento letterario, avrai riempito il suo cuore di gioia.

Concediti la tessera della biblioteca. Ti si aprirà il mondo.

About author

Valentina Zanin

Valentina Zanin

Accanita lettrice, tifosa della pallavolo, perennemente in viaggio, telefilm dipendente, appassionata di filosofia.

No comments

Potrebbero interessarti

Un frame tratto da Dunkirk, l'ultimo film di Christopher Nolan

Dunkirk, ovvero la guerra dei sensi

[caption id="attachment_10708" align="aligncenter" width="1280"]

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi