BMA: Federico Biagetti trionfa e Mogol spiega il valore del pop

0
Federico Biagetti viene premiato sul palco di BMA © partedeldiscorso.it / Milena Vesco

Federico Biagetti viene premiato sul palco di BMA © partedeldiscorso.it / Milena Vesco

Generazionale, personale, ironico. Con questi tre aggettivi il giovane cantautore Federico Biagetti descrive il suo brano E poi boh, che lo ha fatto trionfare al BMA – Bologna Musica d’Autore con ben due premi. Prima quello per il Miglior testo, consegnato a Federico dal maestro Mogol, in veste di presidente di giuria, che gli ha offerto una borsa di studio presso la sua accademia come autore o come compositore: Federico Biagetti dovrà rifletterci un po’! E poi arriva il secondo e più ambito premio: quello che gli consegna l’opportunità di un contratto discografico con Fonoprint, la stessa etichetta che ha registrato Francesco Guccini, Lucio Dalla, Vasco Rossi, Gianni Morandi, Andrea Bocelli, Mina e moltissimi altri.

I concorrenti, astri nascenti del cantautorato italiano

Federico Biagetti ha battuto gli altri nove finalisti di cui tre band in gara, che sono state le prime a esibirsi. I Blugrana, insieme dal 2003, hanno portato la canzone Bellissimo, un tributo a Lucio Dalla. I Sudestremo, uniti dal 2014, hanno parlato di accoglienza e integrazione attraverso My home, una canzone pop ma con richiami reggae. Gli OOTB, gruppo fondato solo un anno fa, con il brano Addosso, si conquistano uno spazio nel mio cuore: è davvero difficile non ballare!

Per quanto riguarda i solisti, Francesco Rainero propone Alibi, un pezzo autobiografico che racconta un momento preciso della sua vita; lui lo definisce “un brano in cui trovo una grande pace”. Arianna Cammarota, con Supernova, è super nuova nel mondo del cantautorato ma, nonostante si sia definita “con pochissima esperienza”, è riuscita ad arrivare alla finale. Federico Rebecchi, già studente della scuola di Mogol, canta Ricominciamo a ridere, una storia inventata di un amore finito male ma che si cerca di recuperare. Alice Cucaro con il brano Solo un riflesso, si porta a casa gli altri due premi del concorso, Miglior musica e il premio Radio Bruno, grazie ai quali ha ottenuto delle giornate gratuite nello studio di registrazione Fonoprint. LØNER, nome d’arte di Lorenzo Agosta, 18 anni, canta Ancora qui. Ultima ad esibirsi, Roberta Guerra, che racconta di essersi messa a nudo con il brano Aria assente e partecipando al BMA ha realizzato il sogno di farsi ascoltare da grandi professionisti.

I fuori-gara e il valore del pop secondo Mogol

Ad aprire il concerto, il vincitore della scorsa edizione di BMA, Giulio Wilson. Come lui, salgono sul palco tanti altri ospiti. I “big” Paola Turci, Matteo Mobricifrontman dei Canova – e Laioung, che si esibisce con una versione tutta sua di Je so’ pazzo di Pino Daniele e di Felicità di Lucio Dalla. In questo modo Laioung non si ferma semplicemente a omaggiare i due grandi cantautori, ma li reinterpreta vestendoli dello stile trap e attualizzandoli.


La cultura resta, lo stile passa.

– Laioung


Quando il presentatore Gianmaurizio Foderaro gli chiede come abbia trovato la faccia tosta di confrontarsi con Dalla e Pino Daniele, Laioung risponde che la cultura resta ma lo stile passa. La cultura può adattarsi a vari stili e non scadere mai.

Oltre a Giulio, anche altre voci della Fonoprint si esibiscono: Carmen Alessandrello, Bonaveri, Fabio Curto, Grigio e Franco J Marino omaggiano il maestro Mogol con un medley e l’emiliano Vasco Rossi con Siamo soli. Difficile non cantare insieme a loro le canzoni che hanno fatto la storia della musica italiana come I giardini di marzo, Io vivrò, Emozioni. E cantare insieme diventa un momento di assemblea catartica. In effetti poco prima il maestro Mogol aveva detto: «la musica popolare e la cultura popolare sono il motore più forte dell’evoluzione della gente, perché le canzoni pop sono quelle che la gente impara a memoria». E cosa viene imparato a memoria viene tramandato. Come i greci avevano gli aedi e Omero, noi abbiamo i cantautori e Lucio Battisti che, attraverso la nostra memoria, costruiscono la nostra cultura e la società.


La musica popolare e la cultura popolare sono il motore più forte dell’evoluzione della gente.

– Mogol


Lo show, l’acustica, il futuro

Ma tra ospiti, musica e vestiti glitterati, non tutto è andato liscio. Qual è la cosa peggiore che possa succedere a un concerto di un’etichetta discografica? Anzi, a un concerto in genere? Esatto, problemi tecnici dell’impianto acustico.

Leopold Cavalli, presidente Fonoprint che ha aperto la serata, ha dimostrato di avere grandi capacità di improvvisazione e ha intrattenuto il pubblico intervistando la giuria mentre i tecnici cercavano di risolvere il problema. Molto bravo lui, un po’ meno i presentatori Gianmaurizio Foderaro e Carlotta Savorelli. Lui, ingobbito, che sembra non voler mai lasciare la parola alla collega. Lei incapace di introdursi al momento giusto. Un effetto finale che ha tolto professionalità all’evento. Peccato.

Ma questi problemi non hanno messo in ombra le voci che sono salite sul palco. Anzi, non tutti i mali vengono per nuocere: grazie ai guasti tecnici, Giulio Wilson ha regalato al pubblico un’interessante versione semi-acustica del suo inedito Mia bella ciao, a dimostrazione che un amplificatore rotto non spegne il talento.

Ed è stato proprio il talento il leitmotiv di questo concerto così tanto variegato. Dieci astri nascenti del cantautorato sognano di prendere parte alla storia della musica italiana e alla cultura di questo Paese. Il futuro ci dirà chi di loro resisterà, ma noi facciamo a tutti i nostri migliori auguri: adesso sul palco del BMA, domani negli stadi, e poi boh!

About author

Milena Vesco

Milena Vesco

Nata ad Alcamo, in una Sicilia troppo lontana dal suo modo di essere. Ha preso molto sul serio il fatto che "in principio era il Verbo" e adesso studia Comunicazione a Bologna. Il suo obiettivo principale è diventare ogni giorno se stessa.

No comments

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi