Basta giudicare gli artisti per il genere musicale

0
In foto, il cantautore britannico Ed Sheeran, discusso headliner del Firenze Rocks 2018

In foto, il cantautore britannico Ed Sheeran, discusso headliner del Firenze Rocks 2018

È di qualche giorno fa la notizia che, per la terza edizione del Firenze Rocks, l’headliner della seconda giornata sarà Ed Sheeran. La notizia mi pare non essere passata inosservata, dato che, dal suo annuncio, su qualsiasi social media mi trovi, leggo di persone che giudicano questa scelta come “discutibile”.

Ma andiamo con ordine.

È vero che le scorse edizioni hanno visto esibirsi alcuni tra i più grandi artisti rock e metal degli ultimi tempi. Infatti gli headliner delle scorse edizioni sono stati Aerosmith, Eddie Vedder e System of a Down nel 2017 e Foo Fighters, Guns and Roses, Iron Maiden e Ozzy Osbourne nel 2018. Quest’anno, invece, è stato annunciato che il Firenze Rocks – che si terrà dal 13 al 16 giugno 2019 sempre al Visarno Arena – ospiterà i Cure il 16 giugno ed Ed Sheeran il 14. Gli altri artisti verranno presentati prossimamente.

La scelta di un artista non propriamente rock non è stata gradita dai più appassionati. Per me, invece è una cosa molto positiva. Ed Sheeran è un artista molto bravo, che riempie le arene di tutto il mondo. Per il suo ultimo concerto in Italia, ha esaurito i biglietti pochi minuti dopo la messa in vendita.

Che si parli con un adolescente o con un adulto, sicuramente verrà fuori che almeno ha sentito una canzone del cantautore britannico. Che sia la ballad Thinkig Out Loud, o la più recente Perfect, o il brano Perfect Symphony, per metà cantato in italiano da Andrea Bocelli.

È assolutamente vero che Ed Sheeran non è propriamente rock. La maggior parte dei suoi singoli sono canzoni d’amore, ballate romantiche e sognanti. Chi è innamorato pensa alla propria metà, chi non lo è, in cuor suo, spera un giorno di poter dedicare quelle belle parole a qualcuno.

E allora perché sarà uno degli headliner di un festival noto per portare in Italia artisti rock?

Perché vende. Perché attira molta gente. E poi, il Firenze Rocks è un festival sì nato recentemente, ma già molto affermato nell’ambiente musicale. Perché quindi dovrebbe farsi sfuggire l’opportunità di ospitare un artista così popolare?

Ed Sheeran al Firenze Rocks stona? Ecco qualche precedente

In foto, il celebre cantante canadese Justin Bieber. Si è esibito agli I-Days 2017 accanto a Green Day, Rancid, Radiohead e Linkin Park

In foto, il celebre cantante canadese Justin Bieber. Si è esibito agli I-Days 2017 accanto a Green Day, Rancid, Radiohead e Linkin Park

Certo, capisco chi critica la scelta lamentando una perdita di credibilità del festival, ma gli organizzatori non sono i primi, né saranno gli ultimi, a variare il loro cartellone con artisti non propriamente dello stesso genere. Ricordiamo che i primi di settembre 2018 si è svolto il Milano Rocks che sì, ha avuto come headliner Imagine Dragons, Thirty Seconds to Mars e Franz Ferdinand. Senza dubbio tutti e tre artisti rock. Eppure, se proprio dobbiamo essere pignoli, per me, la presenza dei Thirty Seconds to Mars a Milano non aveva molto senso.

L’ultimo album di Jared Leto e del fratello Shannon, non lo definirei assolutamente rock. Anzi, se proprio dovessimo confrontare l’ultimo lavoro di Ed Sheeran e America dei Thirthy Seconds to Mars, Divide si caratterizza per una maggiore presenza di sonorità non propriamente rock, ma che più si avvicinano al folk e alla tradizionale musicale irlandese.

Sempre per restare in tema di festival musicali che ospitano artisti diversi, non posso non citare l’Indiegeno Fest 2018. Se gli anni scorsi si è sempre distinto per artisti pop e indie, quest’anno ha deciso di mischiare un po’ le carte ospitando il rapper Gemitaiz. Io stessa ero titubante per questa scelta, eppure mi sono ricreduta. Ho deciso di dare fiducia a un festival che amo tanto. E adesso voglio dare fiducia agli organizzatori di Firenze.

In foto, i Thirty Seconds to Mars, tra gli headliner del Milano Rocks 2018

In foto, i Thirty Seconds to Mars, tra gli headliner del Milano Rocks 2018

Ho dimenticato di citare un altro festival e un’altra line-up “discutibile”: gli I-Days 2017!

L’autodromo di Monza, la scorsa estate, ha visto esibirsi artisti quali Green Day e Rancid, Radiohead, Linkin Park e (tenetevi forte) Justin Bieber. Anche in quell’occasione, all’annuncio di Justin Bieber, tutti i rocker hanno mostrato il loro sdegno sul web.

Le cose non cambiano. Il mercato musicale resta immutato, e in crisi. La principale fonte di guadagno economico per questo mercato arriva dai concerti. Quindi, non trovo affatto sbagliata l’idea di invitare ai festival rock nostrani artisti non propriamente accomunati dallo stesso genere.

Un’ultima postilla vorrei farla sul termine “Rocks” presente nel nome del festival: oltre a roccia, oltre al genere musicale, significa anche scuotere, far vibrare. E se finora avessimo associato questo sostantivo erroneamente al genere musicale, quando invece era riferito a una più generale “voglia di far casino”? Ci avevate mai pensato?

Mi piacerebbe, infine, discutere delle motivazioni che spingono a giudicare qualcuno sulla base dei propri gusti musicali, ma non vorrei annoiarvi ulteriormente. Però ne parlerò, mi rendo conto che è necessario dire qualche parola a riguardo.

About author

Alessia Scarpinati

Alessia Scarpinati

Sono nata giusto in tempo per capire che le cose belle della vita sono tante, che scrivere di me è fondamentale e che non riuscirei a vivere in un mondo senza musica, concerti, libri,serie tv e attori inglesi.

No comments

Potrebbero interessarti

Danny (Danny Lloyd) nel film Shining con indosso un maglioncino che fa riferimento all'Apollo 11

Shining: torna al cinema il capolavoro di Kubrick

[caption id="attachment_11315" align="alignnone" width="1200"]Il film Shining (Stanley Kubrick, 1980) torna in versione ...            </div>
        </article>
        
        </div>
    
</div><!-- .recommend-box -->        		            <script>
                ytframe_ID = [];
            </script>
            
            <div class=

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi