Il paese fertile: ricerca teatrale al DAMS dell’Università Roma Tre

0
Sul palcoscenico del Teatro Palladium, si comincia mercoledì 3 aprile alle 21:00 con il Teatro Tascabile di Bergamo e i suoi Fuochi D'Artificio. Foto di Federico Buscarino

Sul palcoscenico del Teatro Palladium, si comincia mercoledì 3 aprile alle 21:00 con il Teatro Tascabile di Bergamo e i suoi Fuochi D’Artificio. Foto di Federico Buscarino

Dal 3 all’8 aprile prende il via Il paese fertile, la prima rassegna organizzata dal gruppo dei docenti di Teatro del Dams dell’Università Roma Tre in collaborazione con la Fondazione Roma Tre Teatro Palladium. Protagonisti, alcuni dei migliori performer italiani, punti di riferimento nei loro rispettivi ambiti poetici: il Teatro Tascabile di Bergamo (mercoledì 3 aprile), Alessandra Cristiani (sabato 6 aprile), Marcello Sambati (domenica 7 aprile) e Ascanio Celestini (lunedì 8 aprile).

Un festival che riunisce i più vari generi teatrali (narrazione, danza, poesia, teatro danza, teatro di strada, tecniche orientali e tecniche occidentali) su diversi tipi di palcoscenici: il foyer e la sala del Teatro Palladium; lo spazio intimo e di lavoro della sala Columbus dell’Università Roma Tre, le aule universitarie.

Sul palcoscenico del Teatro Palladium, si comincia mercoledì 3 aprile alle 21:00 con il Teatro Tascabile di Bergamo e i suoi Fuochi D’Artificio, uno spettacolo-dimostrazione sull’arte dell’attore tra Oriente e Occidente con Alessia Baldassari, Tiziana Barbiero, Antonietta Fusco, Ruben Manenti, Alessandro Rigoletti e Caterina Scotti.

Sabato 6 aprile alle 21:00 protagonista de Il paese fertile è la danza di Alessandra Cristiani in Opheleia. Ofelia aiuta Ofelia. Foto di A. Lepera

Sabato 6 aprile alle 21:00 protagonista de Il paese fertile è la danza di Alessandra Cristiani in Opheleia. Ofelia aiuta Ofelia. Foto di A. Lepera

Sabato 6 aprile alle 21:00 protagonista la danza di Alessandra Cristiani in Opheleia. Ofelia aiuta Ofelia. Quella di Cristiani, performer che ha approfondito la sua ricerca nel Butoh giapponese, è una performance che non ha la pretesa di ricostruire il personaggio shakespeariano. Ofelia è la creatura invisibile, circondata da occhi che non sono disposti a “vederla”. Lei stessa è “cieca”: è una sospensione temporale, una visione, un ingorgo emotivo, un’iniziazione al sacrificio che insinua sottopelle l’enormità di un destino.

Domenica 7 aprile alle 18:00 va in scena Qualcosa da selvaggiamente sprecare del poeta, attore e regista Marcello Sambati (drammaturgie e tessiture sonore) con Elena Rosa (ricerca coreografica e gestuale). In questo tempo di decomposizione e de-creazione dell’Essere, il verso di Paul Celan è una lama che ci è affidata per andare oltre, aprirci all’ascolto di altri esseri, creature umane vaganti e straziate, di animali e vegetali, polifonie di acque e vento, voci inimitabili che si donano, non salvate, disarticolate, informi, incompiute. Il teatro di Sambati, nella forma della rappresentazione, si fa politica del corpo che sopravvive, carne e anima del mondo.

Domenica 7 aprile alle 18:00 va in scena Qualcosa da selvaggiamente sprecare del poeta, attore e regista Marcello Sambati con Elena Rosa

Domenica 7 aprile alle 18:00 va in scena Qualcosa da selvaggiamente sprecare del poeta, attore e regista Marcello Sambati con Elena Rosa

Il paese fertile si conclude lunedì 8 aprile alle 21:00 con Storie di persone, un racconto, una lettura, un incontro con Ascanio Celestini, autore, attore e regista romano considerato uno dei rappresentanti più importanti del nuovo teatro di narrazione. Celestini mette in scena un repertorio di racconti e testimonianze che ogni volta possono cambiare ma che sempre hanno una piccola missione: raccontare storie di persone qualunque prima che si trasformassero in una notizia di cronaca. L’idea nasce da un’intervista fatta all’inizio del 2015, poche settimane dopo l’uccisione di Davide Bifolco, un ragazzo di 16 anni che viveva nel rione Traiano a Napoli. Nelle parole del padre e della madre, accanto alla rabbia e al dolore, si legge la volontà di ricostruire un’immagine del figlio scomparso che possa essere vitale.

Il programma del festival si arricchisce anche della mostra fotografica I corpi del Butō, con fotografie di Alberto Canu, Emilio D’Itri e Samantha Marenzi. L’inaugurazione è prevista sabato 6 aprile alle ore 19:00, nel foyer del Teatro Palladium. A seguire la presentazione del catalogo I corpi del Butō. Fotografie di danza tra Oriente e Occidente, a cura di Samantha Marenzi (Postcart, Roma 2018).

Domenica 7 aprile alle 16:30, sempre nel Foyer del Teatro, sarà la volta della presentazione del libro Margine e meraviglia. La scena corporea di Marcello Sambati, a cura di Carla Romana Antolini (Editoria & Spettacolo, Spoleto 2018). Coordina l’incontro Raimondo Guarino.

Il paese fertile si conclude lunedì 8 aprile alle 21:00 con Storie di persone, un racconto, una lettura, un incontro con Ascanio Celestini. Foto di Lucia Baldini

Il paese fertile si conclude lunedì 8 aprile alle 21:00 con Storie di persone, un racconto, una lettura, un incontro con Ascanio Celestini. Foto di Lucia Baldini

Accanto alla programmazione degli eventi previsti al Teatro Palladium, Il paese fertile propone una serie di incontri, presentazioni e dimostrazioni per gli studenti del DAMS dell’Università Roma Tre e aperti al pubblico.

Gli eventi che hanno luogo presso l’Aula Columbus, il Polo Aule DAMS di Roma Tre e il Foyer del Teatro Palladium sono gratuiti e aperti a tutti.

Gli spettacoli che hanno luogo al Teatro Palladium (3, 6, 7 e 8 aprile) sono a pagamento. Un abbonamento a prezzo speciale sarà disponibile per gli studenti.


Il paese fertile
Ricerca teatrale al DAMS dell’Università Roma Tre

3-8 aprile 2019
Teatro Palladium, Aula Columbus, Polo Aule DAMS

Teatro Tascabile di Bergamo
Fuochi d’artificio
mercoledì 3 aprile, ore 21:00
€ 10,00

Alessandra Cristiani
Opheleia. Ofelia aiuta Ofelia
sabato 6 aprile, ore 21:00
da € 18,00 a € 8,00

Sambati
Qualcosa da selvaggiamente sprecare
domenica 7 aprile, ore 18:00
da € 18,00 a € 8,00

Ascanio Celestini
Storie di persone
lunedì 8 aprile, ore 21:00
da € 18,00 a € 8,00

Rassegna a cura di
Stefano Geraci, Raimondo Guarino, Samantha Marenzi, Francesca Romana Rietti, Mirella Schino, Valentina Venturini

con la collaborazione di
Clara Morlino e Simona Silvestri

e la partecipazione di
Officine Fotografiche Roma

Biglietteria Palladium
Attiva solo durante gli orari di apertura del botteghino (apre due ore prima dello spettacolo).
Tel.: 06 5733 2768
Prenotazioni via e-mailbiglietteria.palladium@uniroma3.it.
Prevenditewww.liveticket.it/TeatroPalladium

Info line per prenotazioni
Tel.: +39 350 011 9692
attivo tutti i giorni
11:00-13:00 / 16:00 – 20:00

È preferibile recarsi in teatro mezz’ora prima dell’inizio dello spettacolo.


Teatro Palladium
piazza Bartolomeo Romano, 8, Roma
Tel: 06 5733 2772
teatropalladium.uniroma3.it
teatro@uniroma3.it
www.facebook.com/teatropalladium/

Ufficio stampa GDG press
www.gdgpress.com 

Michela Rossetti
Tel.: +39 347 995 1730
rossetti.michela1@libero.it

Giulia Zanichelli
Tel.: +39 340 180 8965
giulia.zanichelli@gdgpress.com

Ilenia Visalli
Tel.: +39 329 362 0879
ilenia.visalli@gdgpress.com

About author

Redazione

Redazione

Attualità, cultura e confronto. Parte del discorso vuole rappresentare ogni lettore e renderlo partecipe al dibattito.

No comments

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi