Rush: in ricordo di Niki Lauda

0
In foto, il pilota Niki Lauda, recentemente scomparso

In foto, il pilota Niki Lauda, recentemente scomparso

Il 20 maggio 2019 è scomparso il grande pilota Niki Lauda. Non sono mai stata una fan della Formula Uno ma Lauda aveva una storia alle spalle che vale la pena di essere raccontata. Il pilota automobilistico austriaco è infatti uno dei protagonisti di Rush, film del 2013 diretto da Ron Howard: parlare di questa pellicola che mi ha fatto innamorare della storia di Lauda è il mio modo di ricordarlo.

La trama di Rush non è complicata come in altri film dello stesso regista (per esempio Il Codice da Vinci): narra della rivalità – ovviamente non senza qualche episodio romanzato – tra James Hunt e Niki Lauda, due fra i piloti più forti del loro tempo, interpretati rispettivamente da Chris Hemsworth e Daniel Brühl. I due sembravano nati per essere rivali: Lauda era metodico, riservato e brusco nei modi; Hunt era una vera e propria star, affascinante e donnaiolo. Due personalità agli antipodi.

In foto, gli attori Chris Hemsworth e Daniel Brühl in un dettaglio della locandina di Rush (2013) di Ron Howard

In foto, gli attori Chris Hemsworth e Daniel Brühl in un dettaglio della locandina di Rush (2013) di Ron Howard

Il film alterna vittorie e sconfitte dei due, in pista e fuori pista, mentre le musiche di Zimmer e la regia di Howard ci tirano dentro la gara che è un piacere; le scene ambientate in pista sono dinamiche, coinvolgenti, metterebbero trepidazione anche a chi non segue questo sport (se lo si può definire così).

Poi, il patatrac, la decisione più sbagliata che i piloti potessero prendere quel giorno. Il 1° agosto 1976 si doveva disputare il Gran Premio di Germania sul circuito di Nürburgring ma le condizioni meteo non erano certo delle migliori (l’asfalto risentiva della pioggia battente) e lo stesso Lauda consigliò caldamente agli organizzatori di rimandare la gara, appoggiato da altri piloti. Peccato che fossero in minoranza rispetto agli altri e, per un pelo, la corsa non si rivelò fatale per Lauda. In una curva la macchina del pilota scivola sull’asfalto, va a sbattere contro le barriere e si ritrova in pista, completamente in fiamme e con Lauda ancora nell’abitacolo. Il Gran Premio è vinto da James Hunt, mentre per Lauda (tirato fuori dalla sua vettura dal pilota italiano Arturo Merzario) inizia un lungo periodo di convalescenza.

Il desiderio di rivalsa è così forte in lui che tenta di rimettere il casco pur non essendo del tutto guarito dalle ustioni; l’inarrestabile Lauda torna in pista 42 giorni (avete letto bene) dopo l’incidente in Germania, in occasione del Gran Premio d’Italia, arrivando quarto nel delirio generale. Hunt riesce comunque a diventare Campione del Mondo di Formula Uno, lasciando poi definitivamente le piste, mentre Lauda collezionerà 3 vittorie negli anni successivi. Non solo: nella sua vita ha fondato due compagnie aeree (purtroppo fallite entrambe) e ultimamente era facile vederlo dietro gli schermi della scuderia Ferrari, intento a osservare nuovi piloti e nuovi campioni.

In foto, il pilota Niki Lauda nel 1974, prima dell'incidente

In foto, il pilota Niki Lauda nel 1974, prima dell’incidente

Rush è un ottimo film proprio per questo: coinvolge appieno nella trama ed è scritto talmente bene (ringraziando Peter Morgan, già autore di Frost/Nixon e The Crown) che si può essere assolutamente neofiti del mondo delle gare di Formula Uno ma lo si adorerà dall’inizio alla fine, soprattutto grazie ai suoi protagonisti, così pieni di difetti eppure così umani. Inoltre, la coppia Howard-Zimmer rimane una garanzia.

Se avete modo di recuperare questo film, fatelo. Capirete perché una ragazza di 24 anni, che ha guardato due gare in croce di Formula Uno, ha deciso di dedicare un articolo al grande Niki Lauda.

About author

Sara Sgarbossa

Sara Sgarbossa

Immaginate una ragazza (quasi) completamente persa nei suoi sogni, sempre alla ricerca di storie da ascoltare o raccontare, innamorata del teatro e del cinema, nerd riscoperta, e avrete come risultato me.

No comments

Potrebbero interessarti

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi