La Rinascita di Palazzo Bonaparte

0
In foto, Palazzo Bonaparte a Roma

In foto, Palazzo Bonaparte a Roma

Palazzo Bonaparte, storica residenza romana di Maria Letizia Bonaparte, madre di Napoleone, è stato aperto per la prima volta al pubblico martedì 9 luglio dopo un anno di restauri sia della facciata esterna che degli interni, allo scopo di rinnovare e rendere più funzionali gli ambienti, esaltando al tempo stesso tutti gli elementi architettonici, storici e decorativi. L’apertura, dopo quattrocento anni, permette di scoprire uno dei palazzi più particolari del centro capitolino: probabilmente, infatti, non esiste una sola persona che, fermandosi a Piazza Venezia, non abbia osservato con curiosità quel balconcino che sporge e spezza l’armonia rinascimentale che contraddistingue i palazzi della piazza e di via del Corso.

L’apertura di Palazzo Bonaparte ha trovato grande successo presso il pubblico romano: oltre duemila persone sono state in coda fino a mezzanotte, incuriosite dalla residenza storica e da quel balconcino dal quale si sporgeva la madre di Napoleone per scrutare i passanti e da dove, quando in vecchiaia divenne cieca, si faceva raccontare dalla sua dama di compagnia cosa accadesse.

In foto, la copia della statua di Marte Pacificatore, che accoglie i visitatori di Palazzo Bonaparte a Roma

In foto, la copia della statua di Marte Pacificatore, che accoglie i visitatori di Palazzo Bonaparte a Roma

All’interno del salone principale del palazzo troviamo subito il vero fiore all’occhiello: una copia in gesso del Marte Pacificatore, statua ispirata a Napoleone che fu regalata da Canova proprio a Madama Letizia, accoglie e colpisce subito i visitatori.

«Mi piace tagliare i nastri, soprattutto quando ci si riappropria di un edificio così importante, nel posto giusto a Roma, dove si potrà fare un’operazione di potente valorizzazione di diffusione culturale», spiega il Ministro dei Beni e le Attività Culturali Alberto Bonisoli.

L’apertura del palazzo è stata possibile grazie a Generali Italia in collaborazione con Arthemisia, che l’ha reso il primo spazio del proprio progetto Valore Cultura per valorizzarlo come nuovo polo d’arte e cultura per la comunità. Da quest’autunno, infatti, Palazzo Bonaparte diventerà uno spazio d’esposizione. Il 6 ottobre sarà inaugurata la prima mostra, Impressionisti segreti, con oltre cinquanta opere mai viste prima provenienti da collezionisti privati importantissimi: saranno presenti opere di artisti come Monet, Renoir, Cezanne, Sisley, Caillebotte e Gauguin.

C’è da dire, però, che lo spazio espositivo non sembra essere immenso: cinquanta opere potrebbero essere tante e, forse, potrebbe risultare perfino inadatto alla mole di persone che ci si aspetta possa essere presente.

About author

Francesco Montagnese

Francesco Montagnese

Classe '97, Calabrese di nascita, ma romano d'adozione. Nel tempo libero scrivo poesie e suono il violino.

No comments

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi