Alba a Tindari con Daniele Silvestri e Indiegeno Fest

0
Daniele Silvestri @ Indiegeno Fest 2019 © partedeldiscorso.it / Alessia Scarpinati

Daniele Silvestri @ Indiegeno Fest 2019 © partedeldiscorso.it / Alessia Scarpinati

Indiegeno Fest anno dopo anno non smette mai di stupirci! Quest’anno possiamo affermare che ha davvero fatto del suo meglio. L’ultimo concerto è stato tenuto da Daniele Silvestri in una cornice un po’ più spettacolare del solito. A concludere una bellissima settimana di eventi non bastava un classico concerto al teatro greco di Tindari. Il live infatti è iniziato all’alba.

Appuntamento alle 4:30 del mattino, concerto alle prime luci del giorno e poi una bella colazione con granita, caffè e brioche. D’altronde siamo in Sicilia, non puoi mica pretendere di fare diversamente!

Tutti quelli a cui ho detto che sarei andata a un concerto all’alba al teatro greco di Tindari mi dicevano: «Sei pazza! Non ci sarà mai nessuno!». Cari amici, ricredetevi! Tindari era pienissimo, l’atmosfera era da sogno ed è stato uno dei concerti più belli a cui io sia andata, nonostante la fatica di passare la notte in bianco.

Siamo partiti da casa intorno alle 3:30 del mattino, arrivati lì già nel parcheggio c’erano diverse macchine. Alle 5:00, quando ancora è buio, ma l’orizzonte inizia a schiarirsi, sale sul palco Yuman – che avevamo già sentito in qualche edizione passata di Indiegeno Fest. Dopo circa un’ora è tutto pronto: la gente è trepitante, aspettano tutti il “Presidente” e il cielo è sempre più chiaro. Sono circa le 6:00 e inizia la magia.

Vorrei potervi dirvi esattamente ciò che ho vissuto in quelle due ore di concerto. Vorrei avere la capacità di descrivervi i colori dell’alba con il sole che piano piano sorge dalle spalle del golfo di Milazzo, ma la verità è che solo chi c’era può capire la bellezza di tutto ciò.

Il momento più toccante è stato sicuramente quando Daniele Silvestri ha introdotto L’appello, ricordando la figura di Paolo Borsellino e salutando il fratello Salvatore, anche lui presente a Tindari. Standing ovation per il giudice e tutta la sua famiglia, che ancora oggi lotta per far sì che eventi del genere non possano più accadere.

Si canta e si balla senza sosta, perché «siamo in un posto bellissimo, i fuori programma ci stanno, suoniamo finché ci va!», commenta il cantautore romano presentando uno dei suoi brani. Intensi anche i momenti di riflessione prima di introdurre canzoni come Le navi e La mia casa. Entrambi i testi parlano di migrazione, sono stati scritti «molto tempo prima che questo argomento fosse così attuale».

Terminato il concerto, con il sole già alto in cielo e i venditori ambulanti che iniziano la loro giornata lavorativa, si ha a malapena l’idea di aver vissuto qualcosa di unico e magico. È solo qualche ora dopo che si metabolizza il tutto e si decide di conservarlo per sempre nel cassetto dei ricordi.

È stato bellissimo. Grazie Indiegeno Fest, grazie Tindari, grazie Daniele.

About author

Alessia Scarpinati

Alessia Scarpinati

Sono nata giusto in tempo per capire che le cose belle della vita sono tante, che scrivere di me è fondamentale e che non riuscirei a vivere in un mondo senza musica, concerti, libri,serie tv e attori inglesi.

No comments

Potrebbero interessarti

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi