Pisa Book Festival: come stanno le case editrici indipendenti italiane?

0
Immagine promozionale del Pisa Book Festival 2019

Immagine promozionale del Pisa Book Festival 2019

Da ormai più di dieci anni, il Pisa Book Festival si conferma un prezioso osservatorio sulle proposte delle case editrici indipendenti in Italia. Nato nel 2003, ogni autunno riunisce editori, scrittori e lettori che partecipano a un fitto programma di incontri, anteprime, seminari di traduzione e laboratori per i più piccoli. 

Un tuffo nella letteratura portoghese

L’ospite d’onore quest’anno non è stato un singolo paese ma l’intera Europa e molti eventi hanno avuto come protagonisti il Portogallo e la Romania, i due paesi di lingua romanza più distanti tra loro. Grazie all’interesse per il Paese di Camões e Pessoa (ma anche dei pasteis de nata e del porto, non dimentichiamolo) il pubblico ha avuto l’occasione di conoscere due grandi voci della letteratura in lingua portoghese: Almeida Faria, autore di una saga familiare sulla dittatura di Salazar e le sue conseguenze su un piccolo paese dell’Alentejo, e Luís Cardoso, ambasciatore della letteratura del Timor Est nel mondo.

I due autori hanno incontrato i lettori in varie occasioni tra presentazioni, letture e firma-copie presso lo stand delle Edizioni dell’Urogallo, la casa editrice perugina specializzata in letteratura lusofona. Nel loro catalogo non troviamo solo il Portogallo e il Timor Est, ma anche i grandi esponenti della letteratura brasiliana e africana di ieri e di oggi. Un’occasione per tuffarsi in queste letterature considerate “minori”, ma che di fatto nascondono delle piccole perle letterarie.

Il focus sul Portogallo è stato anche una buona occasione per celebrare il ruolo di Antonio Tabucchi, grande scrittore italiano ricordato come traduttore di Fernando Pessoa e soprattutto come divulgatore della letteratura portoghese in Italia. A ricordare il suo impegno erano presenti due figure a lui molto care: la moglie, nonché collaboratrice e professoressa Maria José de Lancastre e Roberto Francavilla, professore e traduttore di letteratura in lingua portoghese, ex-allievo di Tabucchi. Nell’incontro Dalla Toscana a Lisbona con Antonio Tabucchi, la lettura di brani tratti dalle sue opere è stato lo spunto per una riflessione sul suo legame con l’Italia, la Toscana – dove nacque e visse a lungo – e con la sua patria d’elezione, il Paese della saudade.

Nuove voci dall’America

Da giovedì 7 a domenica 10 novembre ho gironzolato per i padiglioni del Palazzo dei Congressi alla ricerca delle ultime novità e di qualche editore annoiato da poter importunare. Tra i vari stand ho riconosciuto quello della Black Coffee e mi sono avvicinata subito nella speranza di trovare un po’ di vodka texana, come qualche anno fa al Salone del Libro. Purtroppo, però, questa volta niente Tito’s Vodka gentilmente offerta dalla McMusa, voce italiana della letteratura americana con i suoi corsi e viaggi organizzati, nonché speaker del podcast mensile BlackCoffee Sounds Good (disponibile su Spreaker).

Ma il catalogo della Black Coffee, in fondo, non ha davvero bisogno di sostanze stupefacenti: tra il nuovo numero della rivista letteraria americana Freeman’s – nel quale Elif Shafak, Margaret Atwood, Leila Slimani e altri scrittori raccontano cos’è per loro il potere – e la presentazione del romanzo d’esordio di Annie DeWitt Notti in bianco (tradotto da Leonardo Taiuti), gli aficionados della scena letteraria americana non sapranno andarsene a mani vuote.

Tra racconto e poesia

Un dettaglio della copertina del libro Con in bocca il sapore del mondo, di Fabio Stassi, edito da minimum fax

Un dettaglio della copertina del libro Con in bocca il sapore del mondo, di Fabio Stassi, edito da minimum fax

Per continuare a sognare l’America decido di passare dalla minimum fax, che ha appena pubblicato una raccolta completa dei racconti dello scrittore americano di origini ebraiche Bernard Malamud. Famoso per il suo meraviglioso romanzo Il commesso ma anche per altri titoli, come Gli inquilini e L’uomo di Kiev, Malamud era un grande amante della forma breve. I 55 racconti che scrisse tra gli anni Quaranta e gli anni Ottanta sono ora raccolti in due volumi molto corposi, che ricordano gli iconici Meridiani della Mondadori: il regalo di Natale perfetto per qualsiasi lettore che si rispetti (me inclusa). Inoltre, l’editor di narrativa italiana Fabio Stassi ha presentato il suo ultimo libro Con in bocca il sapore del mondo, un omaggio alla poesia italiana in dieci monologhi. Tra le sue pagine si muovono Montale, Cardarelli, Saba ma anche Merini e Gozzano, le loro vite e il loro immenso dono per la poesia.

Un’anteprima dalla Francia

Anche L’Orma editore aveva in serbo grandi sorprese per gli amanti della letteratura francese: l’ultimo romanzo della scrittrice Annie Ernaux, vincitrice del Premio Strega europeo, in vendita in anteprima al Pisa Book Festival. L’evento (tradotto da Lorenzo Flabbi) arriva a fare luce su una vicenda della vita privata dell’autrice, ovvero la decisione di abortire illegalmente nel 1963. Come dice lei stessa, si tratta di «un’esperienza umana totale» resa ancora più difficile dalla società francese dei primi anni Sessanta, raccontata con lo sguardo lucido e tagliente che caratterizza la sua prosa.

Scommettere sulle scrittrici


Visualizza questo post su Instagram

“La protagonista del romanzo si lascia attrarre dalla possibilità di vivere una vita diversa, grazie all’amore per la letteratura”. . “È il racconto di un dramma, l’allontanamento di una madre dalla figlia, ma allo stesso tempo è il desiderio di stare bene da un’altra parte”. . Queste le parole di Giulia Corsalini in merito al suo romanzo “La lettrice di Čechov”, @edizioninottetempo, ora in #Arena #Pacinotti #themagicofwords #PBF2019 . . . . . . #europeguestofhonour #bookstagram #bookaholic #bookish #booklove #bookphotography #bookclub #bookfestival #instabook #bookstagram #bookstagrammer #libridaleggere #librichepassione #continuiamoaleggere #ticonsigliounlibro #libriconsigliati #librisulcomodino #leggere #fieradellibro #pisa #igerspisa #editoriaindipendente #tuscanygramears

Un post condiviso da Pisa Book Festival (@pisabookfest) in data:

Un’altra talentuosa scrittrice spopola allo stand della nottetempo, dove spille e borse in tela riprendono frasi di Permafrost, breve romanzo dell’autrice catalana esordiente Eva Baltasar (nella traduzione di Amaranta Sbardella). Tranquilli, non si tratta di un libro sul cambiamento climatico, anche se la vita della protagonista, in bilico tra una carriera zoppicante come giornalista e una vita sentimentale ancora più malandata, è quanto di più vicino a un cataclisma si possa immaginare.

Meno turbolenta è la vita di Nina, che lascia l’Ucraina per lavoro e in Italia riscopre piano piano la sua passione per lettura. Questa è la storia de La lettrice di Cechov, presentato alla fiera dall’autrice Giulia Corsalini e vero gioiello della collana di narrativa di questa casa editrice. Pubblicato da ormai quasi un anno (e disponibile ora anche su Storytel), questo romanzo si è diffuso tra i lettori grazie al buon vecchio passaparola e sta conoscendo un inaspettatomeritatissimo successo.

Dopo questo breve viaggio nelle letterature del mondo, posso dire che le case editrici indipendenti in Italia mi sembrano vive e vegete e perfino più originali e innovative che mai. Segnatevi questi titoli e spulciate i loro cataloghi per scoprire di più. Al prossimo Pisa Book Festival!

About author

Roberta Cavaglià

Roberta Cavaglià

Nata a Torino nel '97, spero di svegliarmi un giorno e scrivere un intero romanzo, così, dal nulla. Nel frattempo, studio spagnolo, francese e portoghese, leggo, ballo, recito, mangio, viaggio.

No comments

Potrebbero interessarti

Dettaglio della copertina de I tramonti sul golfo, di Claudia Lancellotti

I tramonti sul golfo

[caption id="attachment_9886" align="aligncenter" width="700"]

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi