Sanremo 2020: lo stato (dell'odio) nella musica italiana

0
Stanotte scopriremo chi ha vinto Sanremo 2020. Noi invece premiamo l'artista che si impegna di più a contrastare l'hate speech con la sua musica. Chi sarà?

Stanotte scopriremo chi ha vinto Sanremo 2020. Noi invece premiamo l’artista che si impegna di più a contrastare l’hate speech con la sua musica. Chi sarà?

Non è questione di buoni o cattivi; è questione di cultura. Il lavoro che stiamo per presentarvi parte da questo presupposto, seppure possa sembrare il contrario: non dall’intento di giudicare i singoli, quindi, ma di capire – mediamente –  qual è lo stato della cultura italiana. Anzi, lo stato dell’odio nella cultura italiana. E quale migliore metro di giudizio della musica, che accompagna persone di tutti i generi, le età, i ceti e le provenienze ogni giorno, durante le più svariate attività, dal bar all’abitacolo dell’auto, che sia scelta attentamente con il dito sullo smartphone o accettata come un destino fatale (e che viaggia su onde radio)? E quale migliore riferimento e pretesto della più popolare manifestazione artistica italiana, il Festival di Sanremo?

Ecco allora che nasce questa task force, all’interno della redazione di Parte del discorso, per monitorare il lavoro delle e dei 24 concorrenti in gara alla 70esima edizione del festival per eccellenza, in grado di bloccare per cinque giorni qualunque altra iniziativa mediatico-spettacolare. Le trasmissioni si interrompono, i palinsesti rispolverano quei vecchi film che non passano sulle reti nazionali da ormai qualche decennio, i telegiornali sembrano fare capolino nei nostri salotti quasi con la paura di disturbare, nel ricordarci che nel mondo, tra un ospite e una cover, succede anche altro.

L’Italia – che lo voglia o meno – si ferma a guardare. Forse proprio per dare il tempo a tutti di assorbire il messaggio del Festival e di allinearsi, anno dopo anno, al livello culturale medio del Paese. Per dare, in altre parole, il tempo a tutti di capire che il riflesso restituito dallo specchio-festival è anche il proprio e che snobbarlo servirà a ben poco. Ché come cantava Gaber: «Io non mi sento italiano, ma per fortuna o purtroppo lo sono».

Ma ora basta chiacchiere. Cosa abbiamo combinato?

Cos’è l’hate speech e cosa c’entra Sanremo

Nella definizione fornita da Antonio Russo su Il Post, leggiamo che:

Lo (sic) hate speech – espressione spesso tradotta in italiano con la formula “incitamento all’odio” – è una categoria elaborata negli anni dalla giurisprudenza americana per indicare un genere di parole e discorsi che non hanno altra funzione a parte quella di esprimere odio e intolleranza verso una persona o un gruppo, e che rischiano di provocare reazioni violente contro quel gruppo o da parte di quel gruppo. Nel linguaggio ordinario indica più ampiamente un genere di offesa fondata su una qualsiasi discriminazione (razziale, etnica, religiosa, di genere o di orientamento sessuale) ai danni di un gruppo.

Nel calderone dei «discorso d’odio» entrano quindi anche quelle forme di micro-disciminazione, difficili da riconoscere perché interiorizzati, che passano ad esempio attraverso un linguaggio stereotipato e idee apparentemente più innoque di altre, ma che allo stesso modo concorrono a riconfermare la subalternità di quelle cosiddette minoranze che, di fatto, minoranze non sono. Perché, a contare tutti gli individui che non rientrano nella celebre definizione del «maschio bianco etero occidentale», si potrebbe facilmente mettere su un esercito di gente incazzata nera.

Allora sono hate speech tanto i versi misognini di Junior Cally quanto i passi indietro di Amadeus, seppure violenti e «odiosi» in maniera assai diversa. Ma qui non ci interessa impartire lezioni né ai Junior Cally né agli Amadeus e neppure boicottare il Festival, che equivalrebbe a chiudere gli occhi di fronte a quella che è una manifestazione concentrata dei nostri problemi culturali. Piuttosto, oggi vogliamo divertirci a trovare la nostra vincitrice o il nostro vincitore morale – nel vero senso del termine – di Sanremo, ma senza accanirci su chi, più o meno volontariamente, si colloca invece lontano dal suo esempio.

Perché scegliere di veicolare messaggi positivi, di incitamento all’amore, con la propria musica è un atto di responsabilità individuale, ma se c’è chi non lo fa molto spesso la responsabilità è più collettiva che personale.

Sanremo 70 e l’hate speech, i punteggi rilevati

Sanremo 2020: attenti all'hate speech! La tabella dei punteggi

Sanremo 2020: attenti all’hate speech! La tabella dei punteggi

Col rischio di annoiarvi ancora prima di venire davvero al dunque, abbiamo fatto tante premesse, ma sono tutte essenziali per comprendere a fondo i risultati di questa analisi. Perché – lo abbiamo detto – mettere su un podio alternativo e consegnare il nostro personalissimo premio simbolico è divertente, ma è un pretesto. Non è il punto.

Il punto, piuttosto, è rilevare dei dati utili, da cui partire per una riflessione più generale sul modo in cui artiste e artisti usano, oggi, il mezzo-musica per parlare a chi ascolta di ogni sorta di discriminazione e oppressione: basata su genere, orientamento, etnia, religione, classe socio-economica.

È uno, in particolare, il dato che subito salta all’occhio: le quattro posizioni più basse in classifica sono occupate da uomini, tre dei quali sono rapper e uno – Achille Lauro – decisamente insospettabile.

Il problema-rap – e sulla possibilità di migliorarsi, tutt*

Sanremo 2020: attenti all'hate speech! Gli ultimi quattro il classifica sono tutti uomini (e tre sono rapper)

Sanremo 2020: attenti all’hate speech! Gli ultimi quattro il classifica sono tutti uomini (e tre sono rapper)

Il rap ha un problema con l’hate speech e in particolare con le donne, ma questa questione è tanto nota quanto risolvibile. Lo spiega bene Wissal Houbabi su Jacobin Italia: l’idea che i testi rap debbano essere violenti è un cliché la cui reiterazione fa comodo solo alle case discografiche. L’articolo cita infatti questi versi di Too $hort, tratti dal brano Thangs Change (ft. Illegal & Baby D), che mettono molto bene a tema la questione:

I rapper come me mancano sempre di rispetto alle signore / Ti chiedi perché, be’ me lo chiedo anche io / Ma poi giro le spalle e vado a sballarmi / perché mi pagano un sacco bene per parlare male di una puttana.

Lo dimostra anche il caso dello stesso Lauro, il cui punteggio non deve ingannare: il ragazzo migliora, si emancipa, lavora su se stesso. E a noi piace proprio per questo.

Ci piace tanto, sì, perché lo stesso artista che con i suoi primi album ha collezionato non pochi punti negativi per questa nostra ricerca, nel più vicino 2019 ci ha regalato invece queste parole, nel libro autobiografico Sono io Amleto (Rizzoli Libri):

Cinquantenni disgustosi, maschi omofobi. Ho avuto a che fare per anni con ‘sta gente volgare per via dei miei giri. Sono cresciuto con ‘sto schifo. Anche gli ambienti trap mi suscitano un certo disagio: l’aria densa di finto testosterone, il linguaggio tribale costruito, anaffettivo nei confronti del femminile e in generale l’immagine di donna oggetto con cui sono cresciuto.
Sono allergico ai modi maschili, ignoranti con cui sono cresciuto.
Allora indossare capi di abbigliamento femminili, oltre che il trucco, la confusione di generi è il mio modo di dissentire e ribadire il mio anarchismo, di rifiutare le convenzioni da cui poi si genera discriminazione e violenza.
Rifiuta le regole, le istituzioni, brucia i tuoi documenti, divertiti.
Sono fatto così mi metto quel che voglio e mi piace: la pelliccia, la pochette, gli occhiali glitterati sono da femmina? Allora sono una femmina. Tutto qui?
Io voglio essere mortalmente contagiato dalla femminilità, che per me significa delicatezza, eleganza, candore. Ogni tanto qualcuno mi dice: ma che ti è successo? Io rispondo che sono diventato una signorina.

Tanto gentile e tanto onest*… pare! Chiariamo i criteri di valutazione

Sanremo 2020: attenti all'hate speech! I (presunti) innocenti

Sanremo 2020: attenti all’hate speech! I (presunti) innocenti

A migliorare, però, non devono essere solo rapper e trapper; quelli, cioè, da cui ci si aspetterebbe ragionevolmente un punteggio basso. Perché chi oscilla poco al di sopra o al di sotto dello 0, o chi si collocano esattamente sulla linea della neutralità, non necessariamente ha fatto bene i compiti.

Facile spiegare chi si è “guadagnato” punteggi come -1: inciampati anche loro nel tranello di qualche stereotipo o altra forma di hate speech di minore entità, sono quelli che più fungono da monito a tenere gli occhi aperti sulle parole che adottiamo e su quelle che ascoltiamo. Perché neppure le migliori intenzioni ci permettono, talvolta, di riconoscere le sottili discriminazioni che perpetuiamo acriticamente attraverso il linguaggio.

Discorso simile vale per chi ha ottenuto un punteggio pari a 0: non necessariamente è sinonimo di neutralità, quanto di equilibrio. Significa, cioè, che ci sono brani portatori di messaggi positivi a bilanciarne altri più problematici.

Nessuno è salvo, nella giungla del Simbolico!

Ma come le abbiamo valutate, di preciso, queste parole?

Focalizzando il nostro interesse su temi come il sessismo, l’omotransbifobia, il razzismo, il classismo, la valutazione si è dipanata su tre livelli, ordinati qui dal più generico allo più specifico:

  • Individuazione di brani che hanno il loro focus principale su una delle tematiche socio-politiche di riferimento.
    A ognuno di questi brani, è stato assegnato un punteggio preliminare di +2 e -2, a seconda del posizionamento rispetto al tema. In altri termini: un brano che rivendica i diritti LGBT+ fa guadagnare 2 punti all’artista, uno omofobo gliene fa perdere altrettanti.
  • Individuazione di trattazioni specifiche degli stessi temi.
    Per i brani con focus su un tema socio-politico, ogni passaggio significativo – in senso positivo o negativo – fa guadagnare o perdere ulteriori 2 punti all’artista.
  • Individuazione di trattazioni secondarie degli stessi temi.
    In un brano che non ha il suo focus principale su questioni socio-politiche, possono comunque essere inseriti dei riferimenti a questi argomenti. Questi, a seconda del posizionamento e della rilevanza/gravità, fanno perdere o guadagnare 1 o 2 punti all’artista.
  • Individuazione di termini sensibili.
    I partecipanti alla task force hanno stilato e condiviso un elenco di termini sensibili, il cui uso può essere finalizzato o all’esplicità discriminazione (es.: dare a qualcuno della putt*na) o alla rivendicazione (es.: riferirsi a se stess* come a una putt*na, con accezione positiva ed empowering). Nel primo caso, l’artista perde 2 punti, nel secondo li guadagna.

I punteggi dei singoli brani vanno quindi a comporre il punteggio finale dell’album. È quindi dalla somma dei punteggi acquisiti da tutti gli EP ed LP che compongono l’intera discografia dell’artista a determinare il punteggio finale, guadagnato dal concorrente.

Se chiariti i criteri di valutazione diventa ancora più logico affermare che «zero» non è necessariamente uguale a «innocenza», ma è più probabile che sia il frutto di una matematica favorevole, non possiamo invece riconoscere che devono essere ben pochi, se non del tutto assenti, gli inciampi all’interno di un’intera discografia, per totalizzare un punteggio finale di ben 73 punti. Perché tanti sono quelli che porta a casa la nostra vincitrice.

Sanremo 2020: poche donne, ma la nostra vincitrice sfida le probabilità

Sanremo 2020: attenti all'hate speech! Il nostro podio

Sanremo 2020: attenti all’hate speech! Il nostro podio

Perché sì, siamo ben lieti di riconoscere che, seppure con uno scarto di soli 3 punti dal secondo classificato Piero Pelù, in cima al nostro podio si posiziona una delle poche donne di questa edizione del Festival di Sanremo, Irene Grandi!

A valerle il maggior numero di punti è il recentissimo Lungoviaggio, registrato a fine 2018 insieme ai Pastis. Oltre a essere artisticamente molto interessante – si tratta di un visual album, in cui quindi il lavoro interessa non solo la musica ma anche il video –, il disco si fa notare dal punto di vista tematico e testuale per l’uso che fa delle parole e delle voci di personalità come Tiziano Terzani, Martin Luther King, Hagit Yakira, Samantha Cristoforetti.

Certo, non è neppure questo della nostra vincitrice un album privo di difetti – casca, in un paio di occasioni, in una visione feticistica dell’esotico, altra forma di micro-discriminazione. Quello che però potete e possiamo valutare a partire da questi punteggi è il lavoro fatto finora da artiste e artisti sull’hate speech, ma non eventuali miglioramenti, acquisizioni di maggiore consapevolezza nel tempo. Vale per Irene Grandi e Piero Pelù, vale per i rapper (Lauro, Cally, Rancore), vale per i «neutrali».

Allora, prima di lasciarvi alla musica (e che il resto scompaia!), chiudiamo con un paio di buoni propositi, uno per artiste e artisti e uno per fruitrici e fruitori, sperando che entrambi vengano accolti.

A chi crea, chiediamo di non smettere mai di interrogare le parole e cercarne sempre di migliori, di più esatte, di più inclusive e universali.

A chi ascolta, chiediamo di non accontentarsi mai.

«Risalendo vedrai quanti cadono giù / E per loro tu puoi fare di più!». E, se cambia il Paese, cambia pure Sanremo.


La task force che ha permesso questo lavoro di valutazione e ricerca è composta da:

Lucia Liberti

Lucia Liberti

Lucia è nata nel 1996 e porta il nome della santa convenzionalmente considerata "la protettrice della vista", eppure è costretta a indossare un fastidioso paio di lenti a causa della sua miopia. Studentessa DAMS, è un'aspirante critica e un'attivista per Amnesty International. Il suo amore per il cinema è paragonabile solo a quello per i diritti umani. Ha conosciuto poche persone interessanti e visto un numero non sufficiente di posti affascinanti. Vede un futuro migliore (ma deve essere la miopia).

Carmen McIntosh

Carmen McIntosh

Nata nel 1992 e divisa tra gli USA e l'Italia, Carmen impara prima a scrivere che a parlare. Studentessa di Lingue, si nasconde dietro grandi occhiali, libri ancora più grandi e dentro a maglioni enormi. Crede nelle vibrazioni positive di un sorriso e di una risata. Crede anche nell'amore e nei sogni. Carmen è alla perenne ricerca della felicità.

Virginia Ciambriello

Virginia Ciambriello

Malinconica seriale, non ho da offrire nulla eccetto la mia confusione - come disse Kerouac. Amo tutto ciò che è arte e ho due ossessioni: il pistacchio e i tramonti. Sono romantica fino all'osso e siccome non riesco a dirlo, lo scrivo.

Alessia Scarpinati

Alessia Scarpinati

Sono nata giusto in tempo per capire che le cose belle della vita sono tante, che scrivere di me è fondamentale e che non riuscirei a vivere in un mondo senza musica, concerti, libri,serie tv e attori inglesi.

Roberta Cavaglià

Roberta Cavaglià

Nata a Torino nel '97, spero di svegliarmi un giorno e scrivere un intero romanzo, così, dal nulla. Nel frattempo, studio spagnolo, francese e portoghese, leggo, ballo, recito, mangio, viaggio.

Lorenzo Natali

Lorenzo Natali

Musicista, studente di lettere e giornalista nel mondo on line da due anni. Appassionato a tutto ciò che riguarda l'arte e la società, ottimo risolutore di problemi altrui, profondamente inconsistente per i propri. La natura da capricorno ascendente cancro è croce e delizia, ma cosa sarebbe in fondo il mondo senza la continua lotta tra luci e ombre? Solo una grande noia.

Antonio Pistone

Antonio Pistone

Classe '91 ma veramente poca (di classe, s'intende). Laureato in Giurisprudenza, mi piace il cinema, la brutta musica, i cappellini di lana colorati, gli odori che cambiano con il cambiare delle stagioni, collezionare libri (anche senza leggerli) e il Napoli.

Claudia Fontana

Claudia Fontana

Claudia nasce nel 1996 a Pesaro, per metà cubana, conosce cinque lingue, appassionata di arte (sì è una di quelle che piange in tutti i musei) e letteratura, studia - cliché - lettere moderne nella rossa Bologna ma è sempre da qualche altra parte del mondo; da grande vorrebbe lavorare nel mondo dell’editoria, però anche viaggiare però anche fare la fotoreporter però anche vincere il premio Nobel per la pace. Perennemente indecisa, promessa sposa del Regno Unito, del rock classico, di Francesco Guccini e delle tisane allo zenzero.

Loredana Desiato

Loredana Desiato

Da sempre appassionata dell’arte, del cinema, del giornalismo e sopratutto della fotografia. Ho iniziato a scattare all’età di 15 anni e da allora non ho più smesso. Amo viaggiare e amo raccontare attraverso i miei scatti, mi affascina l’idea di riuscire ad intrappolare emozioni per sempre.

Ilaria Arghenini

Ilaria Arghenini

Mi piace ascoltare racconti e viaggiare in treno, e questo è la causa di tutto: perché mi tocca leggere abbastanza da dover porre ad altri le domande che restano, e a volte trascrivo quello che ne scaturisce. Vivo in un piccolo paese della bassa lombarda, ho studiato lingue e letteratura, sto poco ferma, amo poco le foto e molto the Killers.

Francesco Montagnese

Francesco Montagnese

Classe '97, Calabrese di nascita, ma romano d'adozione. Nel tempo libero scrivo poesie e suono il violino.

About author

Lucia Liberti

Lucia Liberti

Lucia è nata nel 1996 e porta il nome della santa convenzionalmente considerata "la protettrice della vista", eppure è costretta a indossare un fastidioso paio di lenti a causa della sua miopia. Studentessa DAMS, è un'aspirante critica e un'attivista per Amnesty International. Il suo amore per il cinema è paragonabile solo a quello per i diritti umani. Ha conosciuto poche persone interessanti e visto un numero non sufficiente di posti affascinanti. Vede un futuro migliore (ma deve essere la miopia).

No comments

Potrebbero interessarti

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi