#lottodiversamente: come si manifesta durante un'emergenza sanitaria

0
In foto, le attiviste di Lucha y Siesta con le maschere da Luchadora, in occasione della manifestazione femminista del 23 novembre a Roma © partedeldiscorso.it / Lucia Liberti

In foto, le attiviste di Lucha y Siesta con le maschere da Luchadora, in occasione della manifestazione femminista del 23 novembre a Roma © partedeldiscorso.it / Lucia Liberti

Mentre la rete di collettivi femministi più importante d’Italia, Non una di meno, si è vista costretta ad annullare il flash mob dell’8 marzo e il corteo del 9 a Roma causa emergenza coronavirus, le modalità di protesta si fanno più creative, nel rispetto del Decreto varato dal governo mercoledì 4 marzo.

A Verona, città famosa per gli attacchi alla comunità femminile e femminista, le attiviste di Non una di meno hanno creato Io ti credo, uno sportello legale gratuito per le vittime di violenza domestica e di discriminazione di genere, organizzando per domenica 8 alle 11:30 una diretta streaming: Storie di lavoro e sfruttamento.

Questo sarebbe stata una giornata internazionale della donna particolare, dato che solo il 25 febbraio il Comune di Roma ha disposto il distaccamento delle utenze e la vendita all’asta della casa rifugio e centro antiviolenza Lucha y Siesta, un edificio abbandonato proprietà di Atac occupato dal 2008. Le attiviste del centro hanno indetto un presidio permanente e un’assemblea cittadina.


Lanciamo l’iniziativa #lottodiversamente, alla ricerca di metodi creativi per lottare contro il patriarcato, anche ora che sarebbe saggio stare a casa.


Come scrive Annalisa Camilli su Internazionale, Lucha y Siesta provvede al 60% dei posti letto per le vittime di violenza domestica su Roma, che in totale sono 25, totalmente insufficienti rispetto al fabbisogno stabilito dalla convenzione di Istanbul, che corrisponde a uno ogni diecimila abitanti.

Per questo 8 marzo, Parte del discorso indice un’iniziativa dal titolo #lottodiversamente nella speranza di fornire metodi nuovi e creativi per mostrare il dissenso nei confronti del patriarcato e per condividere testimonianze, pensieri e consigli di ascolto, visione e lettura per un periodo in cui sarebbe saggio passassimo più tempo possibile a casa e a stare attent*.

Pubblicate sui social un vostro selfie, una foto con i vostri podcast o libri preferiti (o altro ancora!), condividendoli con l’hashtag #lottodiversamente e taggate @partedeldiscorso!

In attesa della fine della bufera, abbiamo selezionato una lista di libri e podcast appropriati per la giornata internazionale della donna, da fiondarvi sul divano, premere play o aprire la prima pagina, cominciamo.

#lottodiversamente: consigli per la rivolta domestica

In foto, la giornalista e scrittrice Rebecca Solnit

In foto, la giornalista e scrittrice Rebecca Solnit

Prima di tutto potete recuperare gli articoli di Rebecca Solnit sul Guardian, tra i quali c’è l’ultimo, pubblicato il 29 febbraio sul rapporto tra le diverse generazioni di femminist*, che consigliamo fortemente. Sappiamo inoltre che state aspettando il momento giusto da dedicare a Il secondo sesso di Simone de Beauvoir: sono 715 pagine, e in comode sessioni da cinquanta pagine giornaliere, lo avrete divorato in poco più di dieci giorni.

Tra i classici (ma non così tanto) troviamo Fame di Roxane Gay, Manuale per ragazze rivoluzionarie di Giulia Blasi, Il mito della bellezza di Naomi Wolf e Sputiamo su Hegel di Carla Lonzi. Qui trovate la bibliografia femminista curata da Jennifer Guerra sul suo profilo Medium.

In foto, Giulia Cuter e Giulia Perona, autrici del podcast Senza Rossetto

In foto, Giulia Cuter e Giulia Perona, autrici del podcast Senza Rossetto

Jennifer Guerra nel 2019 ha scritto e registrato un podcast per The Vision, il cui titolo è AntiCorpi: ventotto episodi da mezz’ora l’uno che esplorano gli studi di genere e l’intersezionalità. Anche The Submarine ha il proprio podcast femminista: si tratta di Chiamando Eva, che dal 2017 è curato da Bianca Giacobone, Francesca Motta e Elena D’Alì.

Nel 2016 Giulia Cuter e Giulia Perona hanno lanciato Senza Rossetto, un progetto di podcasting in occasione dei settant’anni dal suffragio universale in Italia, mentre nel 2018 Valentina Tomic e Ilenia Zodiaco hanno creato Quasidì, un podcast sulla responsabilità sociale dei millennial e delle generazioni più giovani. Infine, senza ricordare di ascoltare Morgana di Michela Murgia, segnaliamo Venti, le cui puntate sono disponibili in podcast e che spesso affronta tematiche legate alla questione di genere, anche dal punto di vista maschile.

Noi ci vediamo sulle piattaforme social, con i vostri suggerimenti e le vostre testimonianze di resistenza.

About author

Susanna Guidi

Susanna Guidi

Romana, attivista per i diritti umani con un grande amore per la letteratura; vuole vivere in una casa piena di roditori ai quali dare nomi altisonanti. Qualcuno le dica che gli anni Ottanta sono finiti.

No comments

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi