Avvocata turca muore dopo 238 giorni di sciopero della fame: il mondo resta immobile

0
In foto, l'avvocata e attivista turca di origini curde Ebru Timtik, morta in carcere il 27 agosto 2020

In foto, l’avvocata e attivista turca di origini curde Ebru Timtik, morta in carcere il 27 agosto 2020

Lo scorso 27 agosto è morta Ebru Timtik, avvocata e attivista turca di origini curde, impegnata nella difesa dei diritti umani.

Nel 2017 viene arrestata insieme a un gruppo di altri avvocati, accusati dal governo turco di avere dei legami molto stretti con il Fronte rivoluzionario della liberazione popolare (DHKP/C), un gruppo di estrema sinistra considerato un’organizzazione terroristica.

Nel marzo 2019 vengono riconosciuti tutti colpevoli e condannati a lunghe pene detentive: per la Timtik il verdetto è di 13 anni e 6 mesi di carcere.

In ottobre viene rifiutata la loro richiesta d’appello alla Corte Suprema della Turchia e a gennaio 2020 Ebru Timtik e Aytaç Ünsal – suo collega condannato a 10 anni – iniziano lo sciopero della fame in segno di protesta contro un processo non considerato equo.

A fine agosto Ebru Timtik, che ha raggiunto un peso di 30 kilogrammi, muore.

Muore in carcere, dopo che a luglio il tribunale di Istanbul aveva rifiutato di farla trasferire in ospedale nonostante la presenza di un referto medico che attestasse le sue critiche condizioni di salute.

Ebru Timtik: la reazione (insufficiente) dell’Europa

Ci si potrebbe dilungare molto su varie questioni inerenti al fatto: il trattamento nelle carceri turche, l’irremovibilità del sistema politico e giudiziario turco, la richiesta d’appello rifiutata insieme ad un giusto processo e così via.

Ma ciò che accade all’interno dei confini della Turchia ormai è noto: repressione della libertà di parola e di pensiero (con una censura sulla stampa che sta quasi per sfociare in censura dei social network), violenza, gestione discutibile dell’enorme problema dell’immigrazione e dell’allocazione dei profughi siriani.

Uno Stato come la Turchia pieno di meraviglie, di storia, di cultura, di incontro tra usanze, religioni e tradizioni diverse quasi messo in ombra dalla fama del suo presidente Erdoğan e dalle sue politiche.

Il punto, però, non è questo.

Il punto è che molte organizzazioni internazionali, Unione Europea compresa, si sono espresse in merito alla tragica morte di Ebru Timtik, condannando l’intera vicenda.

Tutti contrari, tutti inorriditi, dispiaciuti e addolorati.

Ma la Turchia rimane alleata NATO, rimane uno Stato interlocutore dell’Unione Europea, una nazione che vorrebbe entrare a far parte dei 27 UE, che intrattiene legami economici e politici con il nostro organismo sovranazionale.

Non basta condannare il fatto. Non basta dissociarsi da metodi barbari e trattamenti fuori da ogni concezione democratica.

Uno Stato che limita la libertà di stampa – perno della democrazia moderna – non è uno Stato che può sperare di accedere all’Unione Europea.

Esprimersi non è abbastanza.


In questo contesto si inserisce perfettamente il paradosso e il dilemma del diritto internazionale: chi può avere il diritto – giuridicamente parlando – di attribuire a uno Stato sovrano (in questo caso la Turchia) delle sanzioni riguardo alla sua politica interna e al suo sistema giudiziario?


Finché il mondo sarà regolato da rapporti economici e politici, la giustizia e l’umanità saranno sempre al secondo posto.

Una presa di posizione concreta e decisiva è necessaria per riuscire a decretare che cos’è lecito e cosa no, cos’è accettabile o meno in una democrazia nel 2020.

In questo contesto si inserisce perfettamente il paradosso e il dilemma del diritto internazionale: chi può avere il diritto – giuridicamente parlando – di attribuire a uno Stato sovrano (in questo caso la Turchia) delle sanzioni riguardo alla sua politica interna e al suo sistema giudiziario?

Servirebbe l’intervento di uno Stato potente che condanni o sanzioni – nel senso giuridico del termine – atti che ledono i diritti umani universali. Uno Stato come gli USA, oppure un’organizzazione come l’Unione Europea. Ma ancora una volta, l’Unione Europea si dimostra debole e non decisiva nell’atto di punire delle politiche e dei comportamenti che mettono a rischio la vita, i diritti e la tutela dei cittadini – in uno Stato come la Turchia che, tra l’altro, vorrebbe inserirsi nell’Unione Europea.

L’omertà non è solo una caratteristica italiana. Stare fermi immobili di fronte alle illegalità che si compiono a pochi passi da noi è omertà – e nessuno,neanche i media, ne parla abbastanza.

Quante ingiustizie dovremo ancora sopportare in nome delle questioni geopolitiche che regolano il panorama internazionale?

About author

Eleonora Pasetti

Eleonora Pasetti

Classe '96, Milano, laurea triennale in Comunicazione e Società, laurea specialistica in Scienze Politiche e di Governo. Scrivo e parlo principalmente di politica e di attualità perché penso che sia importante sapere cosa succede intorno a noi, e capire che ogni azione ha una sua conseguenza.

No comments

Potrebbero interessarti

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi