BE, l'album dei BTS: note di speranza durante il Covid

0
bts

Con il nuovo album BE, i BTS regalano una giostra di emozioni. Foto dal servizio fotografico per promuovere l’album.

Ci sono delle sensazioni che solo la musica può trasmetterti. Sentirsi avvolti da una coperta calda ma allo stesso tempo voler ballare e riflettere su un futuro migliore. Questo è ciò che si prova ascoltando BE, il nuovo album della band BTS, uscito lo scorso 20 novembre.

I BTS tornano dopo il grande successo di Map of the soul: 7 con un album di 8 tracce interamente scritte e prodotte dai membri stessi. I generi cambiano e si incastrano benissimo tra loro, spaziando da brani pop ballad a quelli hip hop e funk. Ma ciò che non cambia è la qualità dei testi, con ogni parola scelta accuratamente e cantata con intenzione.

Il filo conduttore è rappresentato dai diversi stati d’animo provati quest’anno. Sentirsi bloccati, non poter vedere i propri cari o non poter esibirsi dal vivo sono tutti racchiusi nell’album. Ma i BTS non smettono anche di sottolineare, in tutto ciò, come vi siano delle connessioni più forti e di come, dopo tutto, la vita vada avanti.

Life goes on: la ballad dei BTS sulla pandemia che ti fa sentire compreso

É infatti proprio Life goes on il singolo scelto per rappresentare BE, con un video molto casalingo. La band viene ripresa nelle attività più quotidiane, in casa o in macchina, mentre spera di ritornare a suonare live. Una ballad dai tratti hip-hop che, con la chitarra sotto, ti culla, ti fa sentire compreso e ti mette di buonumore.

Like an arrow in the blue sky
또 하루 더 날아가지*
On my pillow, on my table
Yeah, life goes on
Like this again

*(another day flying by)

La traccia che segue, Fly to my room, è cantata da Jimin, V, Suga e J-hope, 4/7 membri e si sposta su un genere più upbeat, r&b. Riesce a raccontare bene l’esperienza di ritrovarsi sempre nella stessa stanza ma nonostante ciò trovare qualcosa di buono in ciò che invece rimane sempre uguale.

Everyday
답답해 미치겠어
Feel like it’s still day one
누가 저 시계를 좀 돌려줘
올해 다 뺏겼어
아직 난 침대 속
거북해 속이
It’s killin’ me slowly nah

(Everyday | It’s so frustrating, it’s driving me crazy | Feel like it’s still day one | Somebody give me back the clock | I lost everything this year | I’m still in bed | A bloated stomach | It’s killin’ me slowly, nah)

BTS

La copertina dell’album BE.

Si passa all’ultimo brano di questa parte più malinconica con Blue and Grey, ballad struggente e introspettiva. Non si rimane indifferente quando i primi arpeggi di una chitarra danno spazio alla voce bassa e profonda di V. Quasi una ninna nanna (che infatti si conclude con goodnight), in cui i colori esprimono gli stati d’animo di ansia e solitudine e il bisogno che qualcuno ci salvi da ciò.

어쩜 정말 후회의 동물인지
아니면은 외로움이 낳은 나일지
여전히 모르겠어 서슬 퍼런 블루
잠식되지 않길 바래 찾을 거야 출구

(How am I so regretful? | Or maybe it’s me that loneliness gave birth to | I still don’t know, dark blue | I hope it doesn’t erode me, I’ll find an exit)

Dopo lo skit, la reazione della band al #1 del loro singolo Dynamite nella classifica Billboard, si entra nella seconda parte di BE, sicuramente più allegra, al primo ascolto.

Telepathy è un tipico brano funky con un ottimo mix tra le parti vocals e le parti rap. Come si può stare vicini nonostante la distanza? La risposta sta nella connessione tra chi canta e chi ascolta, probabilmente gli ARMY, i fan della band stessa, a cui sono molto legati. Fa venir voglia di ballare e muoversi, in quella stessa stanza che prima ci stava stretta.

비록 지금은 멀어졌어도
우리 마음만은 똑같잖아
내 곁에 네가 없어도 yeah
네 곁에 내가 없어도 yeah
우린 함께인 걸 다 알잖아

(Even though we’re far away now | Our hearts are still the same | Even if you’re not by my side, yeah | Even if I’m not by your side, yeah | You know we’re together)

Il contrasto tra lo sconforto e la voglia di riprendere in mano i propri giorni si può notare in Dis-Ease, sesta traccia dell’album. Lo stesso titolo, la traduzione in inglese, gioca sulla parola malattia, se fosse scritto attaccato e disagio.  Inoltre il bridge, la parte migliore nel brano, si collega al primo pezzo, con «Sick and tired | But I don’t wanna mess up | ‘Cause life goes on». L’hip-hop vecchia scuola, tipico dei BTS, si ritrova tutto in questo strepitoso brano che è un crescendo di voci e strumenti.

이 유리 같은 병이 때리지 니 머리
병든 게 세상인지 난지 헷갈려
안경을 벗어도 어둠은 안 흐릿해져
이 시간 뒤에 어떤 라벨이 붙건
부디 그게 전부 너길 바래

(This disease hits your head like glass | I don’t know if it’s the world that’s sick | The dark doesn’t blur out even when I take off my glasses | Whatever label is attached to me after this time | I hope that’s all you)

BTS

Il gruppo dei BTS alla presentazione dell’album. Foto di Big Hit Entertainment

Stay è la seconda canzone con una sub-unit, formata da Jin, Jungkook e RM. Il brano ci trasporta in un altro genere, più EDM e dunque movimentato, che si conclude in modo più tranquillo con delle note di piano. Il testo evidenzia come la gente decida di rimanere insieme malgrado si possa trovare in quel momento dall’altra parte del mondo.

바로 지금 난 널 생각해
니가 어디에 있던지
그게 뭐가 중요해
We connect to 7G
It ain’t the end of the world
The present, it shine like a pearl
이건 몇 파동에 불과
하지만 내가 널 바꿔놓을 거야

(Right now I think of you | Wherever you are | It doesn’t matter | We connect to 7G | It ain’t the end of the world | The present, it shine like a pearl | These are just a few crisis | But I’m gonna change you)

Dynamite è l’abbraccio universale dei BTS durante la pandemia

E si arriva ai fuochi d’artificio: proprio la metafora che ha usato il leader del gruppo, RM, per descrivere Dynamite durante l’ultima conferenza stampa. «Ha le stesse radici di Life goes on. Non possiamo esibirci ora e si conclude con i fuochi d’artificio. L’abbiamo inserita per un effetto fuochi d’artificio alla fine».

Con tinte funk e retro, Dynamite fu concepita proprio per alleviare il dolore dei fan durante questi momenti di sconforto, e anche per questo è l’unica canzone cantata interamente in inglese. Già pubblicata ad agosto, ha sbancato ogni record possibile e continua ad trovarsi in alto nelle classifiche.

Attraverso BE, la band regala una vera e propria esperienza di 28 minuti e una giostra di emozioni a tutti coloro che cliccheranno play alla prima traccia. Il gruppo ha lavorato sodo, non solo alla musica e ai testi, ma anche al concept in generale, curando i servizi fotografici, il booklet con i testi scritti a mano e gli altri contenuti che si trovano nella versione Deluxe. Tutto ciò senza mai tralasciare il rapporto con i fan, includendoli nel processo creativo tramite anteprime sui social e dirette dei membri.

Dal 2013 i BTS continuano a farsi strada mostrando la loro versatilità nei generi e nella scrittura, con le loro voci caratteristiche e con coreografie mozzafiato, rinnovandosi sempre nelle loro performance.

In un mercato globale che cerca solo di paragonarli ad artisti occidentali o a ostracizzarli per il fatto di essere coreani, i BTS riescono sempre a distinguersi in ciò che fanno: BE ne è l’ennesima prova.

About author

Matilde Mancuso

Matilde Mancuso

Nata in quel di Palermo nel lontano 1995, è cresciuta a pane, Beatles e Jane Austen. Laureata in Mediazione linguistica all'Università di Palermo, attualmente lavora per AIESEC in Bulgaria come project manage". Risiede a Palermo, ma con il cuore a Copenhagen, Tbilisi, New York e Mumbai, dove ha vissuto periodicamente negli ultimi anni, per studio e per volontariato. Ha una relazione con Paolo Nutini (ma lui ancora non lo sa).

No comments

Potrebbero interessarti

In foto, Benito Mussolini. Prima di essere al capo del governo fascista, egli fu giornalista, motivo per cui non sottovalutò mai l'importanza del controllo della stampa

I 5 divieti più strani della stampa fascista

[caption id="attachment_10819" align="alignnone" width="1200"]

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi