A Hollywood è finita la fantasia?

0

Negli studi cinematografici di Hollywood si vede spesso nelle produzioni una ripresa costante dei film del passato. Non passa anno infatti in cui, fra reboot, remake e saghe infinite, non troviamo titoli già visti o inflazionati. La domanda allora sorge spontanea: è finita la fantasia?

Fantasia: manca dove servirebbe?

fantasia

Il remake, se fatto bene, può essere una forma di tradizione, di contemplazione dell’opera precedente. Foto di Brian McGowan su Unsplash.

Un esempio di questo fenomeno e un primo punto di partenza ci arriva dagli universi di fantascienza. Negli ultimi anni infatti si stanno sviluppando dei veri e propri universi cinematografici. Pensiamo ai cinecomics Marvel e DC o anche a saghe come Star Wars. Non fraintendetemi, per chi come me è cresciuto guardando i film su Batman o gli Skywalker è sempre un piacere sapere che ci sarà un nuovo film, ma spesso le occasioni vengono sprecate e rovinano un bel ricordo. Sono tante infatti le pellicole che negli ultimi anni ci hanno fatto chiedere se ne avessimo veramente bisogno, a partire proprio dall’ultima trilogia di Star Wars, di cui vi avevamo già parlato.

Un altro spunto può darcelo la Disney. Dal 1937, anno di uscita del primo lungometraggio (Biancaneve e i sette nani) ad oggi sono stati prodotti circa 60 film quasi tutti differenti fra di loro. 50 di questi sono stati prodotti fino al 2010. Prendo questa data perché può essere utilizzata come un secondo punto di partenza dal 2010. Infatti sono stati distribuiti 13 adattamenti e ne sono già stati annunciati oltre 20 per il futuro.

fantasia

Yifei Liu in un’immagine promozionale del live action Mulan.

Alcuni di questi poi – come Mulan e il Re Leoneriprendono pedissequamente la storia originale, facendoci pensare che le idee a Burbank, California stiano finendo. C’è da dire però che la maggior parte delle pellicole mancano in origine di fantasia, molte riprendono infatti le fiabe dei fratelli Grimm, adattandole ai tempi. Non dobbiamo sorprenderci delle scelte che vengono fatte oggi, frutto anche della volontà di proporre a un nuovo pubblico i vecchi capolavori.

Fantasia: serve veramente?

Non tutti i remake però vengono per nuocere (si dice così, no?). Sono tante infatti le copie che hanno superato gli originali e questa moda non è di certo recente. Sono tanti, e alcuni anche insospettabili, i film che riprendono il passato. Capolavori come Per un pugno di dollari, Scarface o L’esercito delle dodici scimmie sono il rifacimento di opere precedenti. Addirittura nel caso della pellicola di Leone si arrivò in tribunale. Il regista italiano infatti adattò La sfida del Samurai di Akira Kurosawa a un contesto western, lasciando la sceneggiatura praticamente invariata. Il regista giapponese fece causa ottenendo i diritti di distribuzione in Asia sul film ed una percentuale sugli incassi.

fantasia

Sopra, Yojimbo – La Sfida del Samurai (Akira Kurosawa, 1961). Sotto, Per un pugno di dollari (Sergio Leone, 1964). Foto presa dal sito artesettima.it

Ma allora perché, se sono copie, queste opere sono così famose? Lo stesso soggetto può essere oggetto di più interpretazioni. Leone avrà copiato Kurosawa, ma ci ha regalato un punto di vista su una storia che altrimenti non avremmo conosciuto. Come Medea venne raccontata prima da Euripide e dopo da Seneca per poi arrivare a Pasolini e Lars Von Trier. Dunque il remake, se fatto bene, può essere una forma di tradizione, di contemplazione dell’opera precedente.

About author

Francesco Montagnese

Francesco Montagnese

Classe '97, Calabrese di nascita, ma romano d'adozione. Nel tempo libero scrivo poesie e suono il violino.

No comments

Potrebbero interessarti

Un frame tratto da Waking Life (Richard Linklater, 2001)

Waking life, la vita è un sogno

[caption id="attachment_10488" align="aligncenter" width="900"]

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi